CESARO’: L’AMMINISTRAZIONE RIMBORSERA’ LE SPESE DI VIAGGIO AGLI STUDENTI FUORI SEDE DEGLI ISTITUTI SUPERIORI

Per il mese in corso, agli studenti pendolari che frequentano le scuole superiori nei vicini Comuni di Troina, Bronte e Randazzo, in tutto 110, saranno rimborsati i costi sostenuti per l’acquisto dei biglietti di viaggio. Infatti, l’Amministrazione comunale, non essendo stato possibile effettuare gli abbonamenti, in quanto gli studenti hanno lezioni in presenza soltanto per tre giorni a settimana, mentre per gli altri tre fanno lezione da remoto, come ormai avviene da tanto tempo, provvederà in seguito al rimborso delle spese sostenute per raggiungere la scuola. Ciò è legato anche al fatto che le ditte di trasporto non fanno abbonamenti inferiori ai 30 e 15 giorni. Inoltre, in un primo momento si era pensato di non fare pagare nemmeno il costo quotidiano del biglietto agli studenti ed è stato chiesto se, a fine mese, i ticket di viaggio potevano essere a pagamento a carico dell’Amministrazione comunale, così come avviene per le fatture; ma anche questa soluzione si è rivelata impossibile anzi, tecnicamente e burocraticamente, presentava più difficoltà delle altre.

Così, alla fine, non è rimasto altro che effettuare il rimborso. Insomma, si è cercato di tutelare quelle famiglie, economicamente deboli, e che, magari, hanno più figli alle scuole superiori e non possono permettersi ulteriori spese, soprattutto in un periodo come questo in cui la disoccupazione è altissima e in tanti sono senza lavoro. Il rientro in classe, comunque, ed è la cosa più importante, sta avvenendo nel migliore dei modi. Tutti gli studenti nei giorni precedenti sono stati sottoposti a ulteriori screening per la prevenzione del contagio da Covid-19, con l’effettuazione di tamponi rapidi antigenici; mentre, negli autobus le misure di sicurezza sono rispettate. Ricordiamo che le ditte assicurano corse suppletive alla bisogna. GIUSEPPE LEANZA Fonte “La Sicilia” del 10-02-2021