RANDAZZO, “CIVITAS” ANALIZZA IL TURISMO «SERVE PIANIFICARE CALENDARI ED EVENTI»

L’associazione di promozione sociale “Civitas” indica il possibile sviluppo economico e sociale. Lo fa attraverso il convegno “La Randazzo che vogliamo”, organizzato ieri mattina nel Palazzo municipale alla presenza di esperti e docenti universitari. A moderare i lavori Domenico Palermo, con Maria Arena, docente di Progettazione e Tecnica urbanistica presso l’Università di Messina che, parlando del possibile Pug (Piano urbanistico generale), il vecchio Prg, ha sottolineato come ci sia bisogno di «un’idea che rimanga in piedi anche di fronte l’avvicendamento di diverse amministrazioni e che abbia una concreta visione di sviluppo». Sul turismo Marco Platania, docente di Economia del Turismo presso l’Università di Catania è stato chiaro: «Il 60% del turismo va in altre Regioni come il Trentino. In Sicilia i turisti hanno poca occasione di spesa. Bisogna offrire servizi per i residenti che verranno fruiti anche dai turisti e programmare in anticipo i calendari degli eventi».

Massimo Lo Giudice, docente di lettere e cultore di storia del territorio, invece, sottolineando come «la cultura debba guidare lo sviluppo» ha ricordato che Randazzo vanta monumenti che hanno bisogno di essere ristrutturati per attirare i turisti. Interessanti le relazioni di Antonio D’Amico Ingegnere e Concetta Palermo. Presente all’incontro Alfio Mannino, segretario generale della Cgil Sicilia. GAETANO GUIDOTTO