BRONTE: SI DELL’USTIF ALL’ABBATTIMENTO DEL PONTE FCE SU VIALE INDIPENDENZA

Si dell’Ustif (Ufficio speciale trasporti impianti fissi) alla demolizione e ricostruzione del ponte della Fce che sovrasta viale Indipendenza. L’ufficialità è giunta dopo un sopralluogo degli ingegneri dell’Ustif di Bari a Bronte, a cui hanno partecipato il capo dell’Ufficio tecnico, ing. Salvatore Caudullo e l’assessore al Lavori Pubblici, Pippo Pecorino. Infatti sono ormai quasi completati i lavori per allargare la stretta e tortuosa stradina che il sindaco Pino Firrarello ha voluto trasformare nella nuova circonvallazione di Bronte ed il ponte esistente  è così stretto da consentire solo il transito a senso alternato. Così il progetto approvato ha previsto l’abbattimento del vecchio ponte e la realizzazione di un altro con oltre 10 metri di luce ed alto più di 4, per consentire il passaggio dei mezzi pesanti. Ottenuto il si da parte dell’Ustif per il Comune di Bronte inizia una vera e propria sfida. “Demolire il ponte della Fce – ci dice l’ing. Caudullo – significa interrompere il traffico ferroviario e tagliare in 2 la linea ferrata, con tutte le difficoltà che ne derivano per la manutenzione dei treni e per la mobilità ferroviaria. Per questo abbiamo accettato la sfida di abbattere e ricostruire il ponte in tre mesi, dal 10 giugno al 6 settembre, ovvero durante le vacanze scolastiche, quando non viaggiano studenti pendolari”. “In questo lasso di tempo – ci dicono l’assessore Pecorino ed il sindaco Firrarello – bisognerà anche effettuare tutti i collaudi. Il rispetto dei tempi lavorativi è indispensabile per osservare il protocollo d’intesa con la Ferrovia. Sarà una sfida che ci impegnerà tutti i giorni e forse anche durante i festivi, ma ne varrà la pena per alleviare al minimo i disagi e soprattutto decongestionare al più presto viale della Regione dal traffico pesante, che sarà dirottato lungo la nuova circonvallazione”. Ad attendere il completamento dei lavori della nuova strada oltre ai residenti di viale della Regione anche gli imprenditori della zona artigianale. Raggiungendo viale Kennedy la nuova strada sarà a loro servizio. E per vincere la sfida dettata dalla rigidità dei tempi il Comune di Bronte ha allestito una squadra di tecnici che oltre all’ing. Caudullo vedrà all’opera l’ing. Sebastiano Sciacca, il geometra Angelo Spitaleri ed il geometra Bonina.     

L’Ufficio Stampa