SS.284 MALETTO – RANDAZZO INCIDENTE CON 4 GIOVANI COINVOLTI

0

Ancora un altro incidente sulla SS. 284, e anche stavolta per poco non finiva in tragedia. Il fatto è avvenuto ieri sera intorno alle 19, al Km 5,500; una Lancia Ypsilon, che andava da Maletto verso Randazzo, con a bordo tre giovani di Maletto ed una di Maniace, per cause al momento sconosciute, e finita fuori strada ribaltandosi e terminando la sua corsa contro degli alberi. I 4 giovani, fortunatamente, sono usciti dall’abitacolo, e si sono fatti accompagnare al Pronto Soccorso dell’ospedale di Bronte, che dopo vari controlli ed esami, ha riscontrato piccole ferite e traumi, ritenuti guaribili in pochi giorni. Sul posto sono immediatamente giunti i Carabinieri di Maletto, ed una pattuglia del Nucleo Radiomobile di Randazzo, ed anche i Vigili del Fuoco di Maletto che hanno provveduto a mettere in sicurezza la vettura e l’ambiente circostante. I Carabinieri hanno effettuato i rilievi di loro competenza, ma le cause dell’incidente sono ancora in fase di accertamento. Non è esclusa nessuna ipotesi, ma al momento non si hanno notizie precise. Certo che per puro caso si è evitata una tragedia, come accaduto circa tre mesi fa, a qualche chilometro di distanza, dove una 18enne di Randazzo ha perso la vita in un incidente simile.

STAFF www.bronte118.it/

ARTICOLO DE “LA SICILIA” DEL 25-03-2009 Spettacolare» incidente lunedì in tarda serata sulla strada statale 284 in territorio di Maletto, fortunatamente senza gravi conseguenze. Una Lancia Y viaggiando in direzione di Randazzo con a bordo tre ragazzi di Maletto in compagnia di una ragazza originaria di Maniace, è finita fuori strada ribaltandosi più volte e terminando la sua “folle” corsa contro degli alberi. Per un attimo si è temuto il peggio, ma i quattro giovani, sono usciti quasi illesi dall’abitacolo. Accompagnati al Pronto soccorso dell’ospedale di Bronte hanno tutti riportato solo contusioni ritenute guaribili in circa 8 giorni. Sul posto sono giunti immediatamente i vigili del fuoco, i carabinieri di Maletto e una pattuglia del Nucleo Radiomobile di Randazzo ai quali i ragazzi avrebbero raccontato di aver sbandato per evitare un’auto che imprudentemente stava sorpassando in piena curva.