Randazzo. Il ddl sulla riqualificazione dei centri storici

Alla presenza di numerosi tecnici e cittadini, nella sala consiliare Falcone e Borsellino, il sindaco di Randazzo, Ernesto Del Campo e il presidente del Consiglio comunale Lucio Rubbino, hanno presentato alla città il disegno di legge regionale sugli interventi per riqualificare e recuperare i centri storici cinti da mura. Ospiti d’onore dell’incontro sono stati l’on. Nino D’Asero, primo firmatario della proposta legislativa, l’architetto Gesualdo Campo e la professoressa Elisabetta Pagello. In apertura il presidente Rubbino ha dal canto suo ricordato come da un’idea di un gruppo di tecnici randazzesi e dall’amore per la ricca storia della medievale cittadina si sia arrivati al decreto legge che prevede finanziamenti fino al 75 per cento per i privati e 90 per cento per gli Enti pubblici per riportare ai fastidi un tempo case e palazzi. «I centri storici si svuotano – ha affermato Del Campo – e noi vogliamo creare i giusti meccanismi per il loro recupero, mettendo anche in moto l’economia». Interessanti sono stati gli interventi dell’arch. Campo e della prof. Pagello che hanno anticipato un dibattito propositivo. «Ringrazio – ha affermato l’onorevole. D’Asero – il sindaco Del campo ed il presidente del Consiglio Rubbino per aver organizzato quest’incontro. Un grazie anche a Francesco Rubbino che è l’ideologo del disegno di legge. La nostra intenzione è recuperare il nostro patrimonio edilizio e con esso la nostra storia, potenziando anche l’offerta turistica».

Gaetano Guidotto fonte “La Sicilia” del 25-03-2009