SRR CATANIA NORD: «INDIVIDUATA UN’AREA A BRONTE PER GLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO»

Nella sede operativa di Giarre della “Srr Catania Provincia Nord”, si è svolto un Consiglio di amministrazione urgente per discutere e deliberare alcuni punti di primo piano. Sul tavolo dell’assise, condotta dal presidente della Srr, Enzo Caragliano, sindaco di Riposto (presenti il vice presidente Ignazio Puglisi, il componente Stefano Ali, il presidente del Collegio sindacale dott. Marco Patti e il componente dott. Biagio Petralia) l’esame del bilancio chiuso il 31 dicembre scorso, l’aggiornamento della dotazione organica, l’aggiudicazione definitiva della gara d’ambito e la situazione finanziaria della società. Il presidente Caragliano ha confermato che il bilancio per l’esercizio 2021 si è chiuso a pareggio in base al principio generale che regolamenta il ribaltamento dei costi di funzionamento della società ai Comuni/soci in proporzione alle rispettive quote di partecipazione, sulla base di quanto espressamente previsto dalla legge regionale n. 9/2010, nonché in applicazione dello Statuto Sociale. Caragliano si è soffermato sull’attività gestionale del 2021, evidenziando che l’iter procedurale per l’espletamento delle procedure della gara d’ambito e giunto alla sua fase finale.

«In merito all’impiantistica d’ambito, nei mesi scorsi – ha ricordato Caragliano – è pervenuto riscontro da parte del Comune di Bronte che ha indicato e individuato un’area estesa di circa 14 ettari in contrada Margiogrande, dove poter realizzare gli impianti di selezione della frazione secca, di stoccaggio Raee e di trattamento/riciclaggio di materiali assorbenti ad uso personale». Fonte “La Sicilia” del 26-05-2022