S. DOMENICA, NIENTE STIPENDI AI COMUNALI IL SINDACO: «È STATO SOLO UN DISGUIDO»

Stipendi arretrati, ma non solo. La Cisl Funzione Pubblica di Messina, attraverso la segretaria provinciale Giovanna Bicchieri e il referente territoriale Maurizio Giliberto, ha denunciato le difficoltà dei dipendenti del Comune di S. Domenica Vittoria, che devono percepire lo stipendio di gennaio e, da più di 8 anni, non percepiscono il salario accessorio per le prestazioni svolte come turnazione, reperibilità e altri importanti istituti contrattuali. «Non si riesce a comprendere – evidenziano i sindacalisti – come gli organi di vertice non abbiano dato seguito ad adempimenti obbligatori, come la contrattazione decentrata e il pagamento degli stipendi. Di contro, negli anni, l’Amministrazione non si è certo risparmiata dal conferire incarichi, a vario titolo, a soggetti esterni; alcuni di questi incarichi, in passato tutti a titolo oneroso, sono stati posti al vaglio della Corte dei Conti della Regione Sicilia che con sentenza n. 893/2021 ha condannato il sindaco per danno erariale, ritenendo che “gli incarichi di collaborazione esterna non possono consistere in forme di supporto alla struttura amministrativa dell’Ente locale”, non potendosi conferire a soggetti estranei all’Amministrazione incarichi che abbiano ad oggetto lo svolgimento di attività gestionali riservate al personale amministrativo interno».

«Tutto è dipeso dalla riorganizzazione degli uffici, in particolare dai tempi dettati dalla tesoreria per l’accredito della firma del nuovo dirigente Nicola Russo – replica il sindaco Giuseppe Patorniti – Da oggi gli stipendi risultano in pagamento. Mi preme sottolineare che, nonostante le difficoltà dell’Ente, in dissesto finanziario, i pagamenti al personale dipendente sono sempre stati garantiti ed erogati puntualmente». Ma la Cisl-Fp ha contestato anche un altro aspetto, ovvero quello che ha definito modus operandi del Comune che «cambia “le vesti” degli incarichi a soggetti esterni, mantenendone, però, inalterata la sostanza. «Il riferimento – sostengono la Bicchieri e Giliberto – è alla delibera di Giunta n. 8 del 5 febbraio 2022 e alla determina sindacale n. 3 del 7 febbraio 2022 mediante le quali viene conferito l’incarico di posizione organizzativa ad un soggetto esterno all’Ente, ex dipendente di altro Comune e oggi in quiescenza». Fonte “La Sicilia” del 08-03-2022