RANDAZZO/BRONTE: TEMPERATURA DI MENO 5 GHIACCIATE LE TUBATURE DELL’ACQUA E TANTI DISAGI

LA SS 284 VICINO DIFESA
LA SS 284 VICINO DIFESA

Due gli aspetti della eccezionale nevicata di ieri nel versante nord dell’Etna. Il primo, più romantico, con la popolazione che a Randazzo si è svegliata sotto 50 centimetri di neve che ha reso le strade bianche e silenziose in un atmosfera ovattata ed incantata che sapeva di magico. Il secondo, meno idilliaco, quello dei disagi. Pensate che le temperature scese durante la notte anche a -5 ed a Bronte, Maletto e Randazzo hanno finito per ghiacciare le tubature esterne delle abitazioni. Poi la viabiltà. Il transito sulla Statale 284, nel tratto Bronte Maletto è stata interrotta dalla Polizia stradale di Randazzo ieri mattina dalle 9 alle 11 circa. Nonostante lo spazzaneve passasse, il vento sollevava e depositava sulla carreggiata cumuli di neve alte fino a 80 cm. Disagi anche nei centri abitati. A Maletto il sindaco Salvatore Barbagiovanni ha dichiarato lo stato di emergenza, chiuso le scuole domani e martedì e richiamato con una lettera la Città metropolitana di Catania, perché le strade che collegano l’abitato sono tutte dell’ex Provincia. A Bronte, dove sono caduti circa 15-20 cm di neve, la Protezione civile ha liberato la discesa di via Messina che conduce all’ospedale e trainato con un trattore di mattina un’ambulanza del 118 (fortunatamente non in codice rosso), cui si erano rotte le catene da neve, e nel pomeriggio un’autocisterna rimasta bloccata in via Cavalieri di Vittorio Veneto. A Randazzo è caduta tanta di quella neve che la Protezione civile ha preferito non cospargere sale per le strade, ma di lasciarlo ad incaricati in punti strategici per oggi e domani, quando si teme la formazione del ghiaccio. Interventi nella frazione Flascio per far uscire una famiglia da casa dove i cumuli di neve hanno superato il metro di altezza ed in un agriturismo in contrada Calderara. Gaetano Guidotto Fonte “La Sicilia” del 08-01-2017