RANDAZZO, SLALOM DEI TRE PARCHI: RISULTATI

0

Gullotta si impone a Randazzo Il giovane trapanese vince tutte e tre le manche allo Slalom dei tre parchi RANDAZZO – E’ il diciannovenne Giuseppe Gulotta il trionfatore del primo slalom “Dei 3 parchi – Memorial Salvatore Mascali”. Il pilota della Puntese corse è stato bravo a sfruttare al meglio i cavalli della sua vettura, staccando il forte Gaetano Piria su Ermolly di oltre 3 secondi. Ciro Barbaccia, alla vigilia il favorito, invece, già alla prima manche è stato costretto a fermarsi per noie al motore e così a contendersi la vittoria sono stati soltanto Gulotta, Piria, Domenico Polizzi e il randazzese Giuseppe Spoto, autore di una brillante prestazione: “Sono stato in testa alla classifica per tutte le 3 manche. – ci dice il vincitore al traguardo – Anzi ho migliorato i miei tempi di volta in volta, nonostante montassi un treno di gomme già utilizzate. Mi trovo bene – continua – su questo circuito particolarmente tecnico e che richiede una buona dose di coraggio non solo nell’affrontare i tornanti, ma anche nei rettilinei. Ringrazio – conclude – gli organizzatori, ma soprattutto e come sempre mio padre”. La classifica a squadre è stata stravinta ancora una volta dalla Puntese corse: “Di noi dite che siamo insaziabili, – afferma il presidente Maurizio Casabona – ma a noi piace soltanto correre con cuore ed entusiasmo. Ricordate però che il merito maggiore è dei piloti”. E fra i piloti della Puntese corse c’è il giovane randazzese Giuseppe Spoto, giunto 4’ in classifica generale ed in grado di suscitare l’entusiasmo dei tantissimi appassionati assiepati ai bordi della Ss 116: “La gara è stata combattutissima – ci dice – questo è un ottimo risultato visto gli avversari che dovevo affrontare, in un circuito dove era facile uscire fuori strada”. Da segnalare la gara di Titti Motta, autore di un testacoda alla seconda curva della prima manche, con l’auto che è finita violentemente contro il muro, ma in grado di sistemare la vettura e conquistare il 5’ tempo e Davide Serravalle che con una Peugeot 205 1300 è giunto secondo nella categoria 1600. Soddisafattissimo il presidente della Smt corse di Randazzo, Gino Maccarrone che ha organizzato la gara assieme alla Cooperativa Alfa Omega ed alla A.S.D. Etna Racing 2003 con il contributo al Turismo, Comunicazioni e Trasporti della Regione siciliana: “Tutto è andato bene – afferma – ma miglioreremo ancora di più una gara che speriamo il prossimo anno sia riconosciuta e maggiormente titolata”. Felice anche il sindaco, prof. Salvatore Agati: “L’intento di far conoscere la mondo dei motori il nostro paese ed i tre parche è stato raggiunto. – afferma – Un plauso va alle forse dell’ordine ed alla Polizia municipale, che ha svolto un lavoro formidabile”. Gaetano Guidotto
RANDAZZO – Eccola la classifica generale del I slalom dei 3 parchi – memorial Salvatore Mascali. 1) Giuseppe Gulotta (Puntese corse) su Osella Pa/21 Honda, 2) Gaetano Piria (Kamiko corse) su Ermolly a 3,67 secondi di distacco, 3) Domenico Polizzi (Giarre Corse) su Avrio Elia a 3,80, 4) Giuseppe Spoto (Puntese Corse) su Fiat su 126 Suzuky a 4,98, 5) Titta Motta su Fiat 126 a 7.82, 6) Nicolò Leanza (Adrano Corse) su Fiat 126 Suzuky a 9, 82, 7) Salvatore Lo Re (Kamico corse) su Fiat 126 Honda a 11,93, 8) Salvatore Caruso (Adrano corse) su prototipo a 13,14, 9) Giosuè Lanza (Adrano corse) su Fiat 126 Suzuky a 16,72, 10) Paolo Malvaso (Puntesi corse) su Fiat 127 a 19,47, 11) Pietro Calì (Adrano Corse) su Fiat 126 Honda a 19.70; 12) Angelo Zammataro (Adrano Corse) su Fiat 126 Suzuky a 19.85; 13) Salvatore Giunta (Puntese Corse) su Citroen Ax a 21.70; 14) Fabrizio Garofalo su Fiat x1/9 a 23.37; 15) Saverio Miglionico su Fiat 127 5 S4 a 24.62; 16) Giovanni Compagnino (Puntesi corse) su A112 a 26.08; 17) Giovanni Virgilio (Giarre Corse) su Peugeot 205 a 26.61; 18) Rino Bonifacio (Puntese Corse) su Fiat 126 a 29. 94; 19) Francesco Ambrosiani ( A.Valle Motorsport) su Lancia Beta a 30.35; 20) Giuseppe Caruso (Kamiko Corse) su Renault 5gt a 30.51; 21) Angelo Camarda (Puntese Corse) su Renault R5 a 30.68; 22) Andrea Currenti su Renault R5gt a 30.92; 23) Luigi Santonocito (Puntese Corse) su A112 a 31.21; 24) Paolo Nicolosi (Puntese Corse) su Fiat 500 a 31.27; 25) Antonio Monastra (Sant’Angelo corse) su Renault R5gt a 31.78; 26) Carmelo Rapisarda (Puntese Corse) su Fiat 500 a 31.90; 27) Luca Ferro (Giarre Corse) Fiat Uno Turbo a 33.44; 28) Andrea Patané (Giarre corse) su Peugeot 205 a 34.03; 29) Giuseppe Messina (Giarre Corse) su Peugeot 106 a 34.56; 30) Giuseppe Viaggio (Adrano Corse) su Fiat 500 a 35.46; 31) Davide Miraglia (Giarre Corse) su A112 a 35.82; 32) Vincenzo Barbagallo (Giarre Corse) su Fiat 500 a 37.11; 33) Salvatore Sotera (Puntese Corse) su Fiat 500 a 37.36; 34) Rocco Cardamone (Puntese Corse) su Peugeot 106 a 37.71; 35) Antonino Fiore (Puntese Corse) su Fiat Panda a 37.74; 36) Filippo Gugliotta (Belpasso corse) su A112 a 38.44; 37) Luciano Vitaliti (Puntese Corse) su Fiat 500 a 38.83; 38) Giuseppe Monastra (Santangelo corse) su Peugeot 205 Gti a 39.27; 39 Giuseppe Miraglia (Puntese corse) su Osella Pa/20 a 39.50; 40) Vincenzo Bonanno (Puntese corse) Renault 5 a 39.59. Gaetano Guidotto