Categorie: Randazzo

RANDAZZO: SI SCAVA IN VIA SOLDATO EMANUELE ALLA RICERCA DELL’ACQUA PERDUTA (CHE VIENE POI RITROVATA)

Si scava alla ricerca dell’acqua perduta. Si scava principalmente in via Sodato Emanuele, ma probabilmente si scaverà anche nella provinciale “Sciarone”. Troppa l’acqua che si perde nel tragitto fra l’acquedotto e le abitazioni, che in questo momento soffrono la sete perché, se non si ha una sufficiente vasca di riserva, dai rubinetti l’acqua esce poche ore al giorno. «Da sempre, a fine ottobre o novembre – spiega il sindaco Francesco Sgroi – registriamo un calo delle nostre risorse idriche. Questo, infatti, è il periodo in cui le falde acquifere e le sorgenti risentono della siccità estiva. A Randazzo però esiste un altro problema. Lo abbiamo sempre saputo. Nella nostra condotta idrica –afferma – si perde troppa acqua, così tanta da condizionare la pressione ed il servizio. Così ho fatto esaminare il fenomeno ad una ditta esterna, scoprendo che se dal pozzo di Santa Caterina fuoriescono 30 litri di acqua al secondo, in via Soldato Emanuele ne arrivano 9». In pratica 21 litri di acqua al secondo si perdono nel sottosuolo prima ancora che la condotta arrivi alle case.

Ed allora la società ha effettuato dei rilievi con particolare geoscanner, individuando due punti dove è probabile si trovino delle perdite. In verità per i residenti di via Soldato Emanuele si è trattato un po’ della scoperta dell’acqua calda. Da sempre con il silenzio della notte in un preciso punto si poteva ascoltare sotto l’asfalto il classico rumore di uno spruzzo d’acqua a pressione. Guarda caso è proprio li che adesso si sta scavando. «Forse in passato non c’erano le risorse – risponde il sindaco –Noi vogliamo risolvere il problema perché 21 litri di acqua al secondo non sono pochi. Se venissero tutti immessi nella condotta la qualità del servizio idrico migliorerebbe». Ed infatti appena si è scavato subito è stata trovata così tanta acqua da… spaventare i residenti. «Adesso – conclude il sindaco – ripareremo la falla nella conduttura in vetroresina. Verrà effettuato un lavoro definitivo e duraturo nel tempo. Poi rifaremo le rilevazioni per capire se abbiamo recuperato acqua a sufficienza o se bisogna scavare in altri posti». GAETANO GUIDOTTO Fonte “La Sicilia” del 27-10-2020

Share
Pubblicato da
REDAZIONE

Recent Posts

BRONTE: DOPO TRE TAMPONI E 21 GIORNI DI ISOLAMENTO NUNZIO, 94 ANNI, HA VINTO LA SUA BATTAGLIA COL VIRUS

Guarire dal covid a 94 anni è certamente una bella notizia, soprattutto se viene da…

30 Novembre 2020

MANIACE; “POSITIVO AL VIRUS” BECCATO IN GIRO PER IL PAESE: DENUNCIATO

I Carabinieri della Stazione di Maniace hanno denunciato un 63enne del posto, poiché ritenuto responsabile…

29 Novembre 2020

COVID 19- BRONTE ARRIVA A 200 GUARITI, I NUMERI DEI NOSTRI COMUNI

Arriva la notizia dell'avvenuta guarigione di 199 persone a Bronte, un buon fine di settimana…

29 Novembre 2020

MALETTO: VIA BERLINGUER, FINITI I LAVORI DI CONSOLIDAMENTO

Sono stati completati i lavori di sistemazione della via Berlinguer a Maletto. La ditta che…

29 Novembre 2020

BRONTE, COVID: ARRIVANO I RISTORI DEL COMUNE PER FAMIGLIE ED IMPRESE

In una Bronte provata da ormai 2 settimane di zona rossa, arrivano buone notizie sui…

28 Novembre 2020

SICILIA DA DOMANI ZONA GIALLA, COSA CAMBIA FINO AL 4 DICEMBRE

Da Mezzanotte la Sicilia diventa zona Gialla per l'emergenza coronavirus. Una soddisfazione se si pensa…

28 Novembre 2020