RANDAZZO: È NEGATIVO AL COVID-19 IL PAZIENTE RISULTATO POSITIVO SABATO SCORSO

Paziente Covid solo per due giorni. Torna il sereno a Randazzo perché gli ulteriori accertamenti effettuati sull’uomo che sabato scorso era stato dichiarato affetto da Covid-19 hanno stabilito la totale assenza del virus. In pratica è stato solo un brutto incubo. Per questo ieri sera l’Asp di Catania, che aveva sottoscritto il provvedimento di quarantena obbligatoria per tutta la sua famiglie, ha disposto la revoca dell’isolamento, facendo tirare a tutti un sospiro di sollievo. «L’uomo – ci dice il sindaco Francesco Sgroi – soffre di una broncopolmonite che aggiunta ad altre patologie ha forse condizionato l’esito del primo tampone. Oggi però apprendiamo che sia il secondo, che il terzo hanno dato esito negativo. Non ci poteva essere notizia più bella. Una famiglia di Randazzo torna a essere serena e la città a essere priva del virus». Tutto è cominciato sabato scorso quando l’uomo trasportato all’ospedale Garibaldi di Catania è stato sottoposto a tampone che è risultato positivo. Il sindaco Sgroi, appresa la notizia, già sabato sera ha informato la città attraverso i social. «Era mio dovere farlo – ci ha dichiarato il primo cittadino – per sottolineare la necessità di adottare, soprattutto adesso che siamo nella fase 2, il distanziamento fisico che è l’unica arma che conosciamo contro il virus. Alla notizia che gli altri due tamponi sono negativi, non posso che essere felice». La maggior parte della gente si chiede come è potuto accadere e se i testi sul Covid sono realmente infallibili.

Ancora il sindaco: «Non ho chiesto cosa realmente possa essere accaduto. Ripeto: forse a condizionare il primo testi sono state le altre patologie. Ritengo però che, al di là dell’esito del primo test, complessivamente il sistema abbia funzionato, restituendoci la verità». Il sindaco comunque continua a predicare prudenza: «Il fatto di sapere che in città non ci sono casi non ci permette comportamenti superficiali. Il virus è presente nell’Isola è noi dobbiamo continuare a rispettare con rigore il distanziamento fisico». GAETANO GUIDOTTO Fonte “La Sicilia” del 19-05-2020