RANDAZZO: CINE-TEATRO, SI RIALZA IL SIPARIO ECCO IL BANDO PER IL RESTYLING

0

Forse siamo di fronte al passo decisivo per la realizzazione del tanto atteso cine-teatro (ex cinema Moderno) di Randazzo, una struttura di cui si parla ormai da tanto tempo nel centro etneo. L’Urega (Agenzia regionale per gli appalti) dell’assessorato delle Infrastrutture e della Mobilità, ha pubblicato il bando di gara per la realizzazione dei lavori di recupero e ristrutturazione dell’immobile che costeranno un milione e 460 mila euro. «Il progetto – dice il sindaco di Randazzo Ernesto Del Campo – prevede il consolidamento statico della struttura, la ristrutturazione di tutte le fabbriche interne ed esterne, la copertura, tutte le opere edili complete, la facciata e tutta la predisposizione per gli impianti tecnologici. Tutte le somme – aggiunge il primo cittadino randazzese – sono già a disposizione e pertanto i lavori potranno iniziare subito dopo l’aggiudicazione degli stessi. E’ un grande passo avanti – continua Ernesto Del campo – verso la realizzazione di un’opera ritenuta prioritaria dall’Amministrazione comunale per dotare Randazzo di un centro culturale all’avanguardia che potrà diventare punto di riferimento per il territorio, luogo d’incontro dei giovani di Randazzo e al contempo struttura per il rilancio delle attività culturali, teatrali, musicali e altro. I lavori – conclude il sindaco di Randazzo – dureranno circa diciotto mesi e nel frattempo l’Amministrazione comunale si impegnerà a recuperare le ulteriori risorse necessarie per completare l’opera, con arredamenti, attrezzature ed impiantistica interna. Guardando nel dettaglio del progetto, sarà realizzata una sala con ben 320 posti a sedere, di cui 240 a piano terra e 80 in galleria, permettendo tranquillamente la proiezione di pellicole cinematografiche. La struttura si presta perfettamente alla realizzazione di conferenze, congressi e manifestazioni culturali varie, fino ad oggi negate a Randazzo per l’assenza di una struttura».

Gaetano Guidotto fonte “La Sicilia” del 24-10-2010