MALETTO: DECEDUTO UN UOMO DI 69 ANNI, 14 CASI AI TEST RAPIDI

Giornata di screening di massa, ieri a Maletto, con quasi mille tamponi effettuati dall’Unita Usca, nel piazzale antistante alle scuole medie in modalità drive-in. Uno screening voluto dal sindaco, Pippo De Luca, che ha colto al volo l’opportunità offerta dall’Usca eseguendo tamponi a tappeto per tutta la popolazione. «Per tutta la giornata sono stati eseguiti tamponi – dichiara De Luca – con la popolazione divisa in fasce di età per evitare inutili assembramenti. Da una prima stima sembrerebbe che ci siano 14 positivi, che sono una bassissima percentuale rispetto ai tamponi effettuati negli ultimi giorni. In questo modo isoliamo in tempo chi ha il virus ed è asintomatico, e diventa più facile contenere il dilagare dell’epidemia». I numeri forniti dall’Asp, invece, precedenti ai tamponi rapidi fatti ieri e che dovranno essere confermati dai molecolari, davano a Maletto 10 persone attualmente positive, e una cinquantina in isolamento.

Purtroppo, si registra anche un altro decesso, dopo quello di una Malettese avvenuto nella casa di riposo San Vincenzo De Paoli di Bronte. Un 69enne che aveva già altre patologie, ma che a causa del covid, ha avuto delle pesanti complicazioni che non ha superato, nonostante il ricovero in ospedale. Giro di boa anche a Maniace, dove nel giro di un giorno, calano di molto i positivi. Infatti nei rilevamenti di giorno 1, l’asp contava 64 positivi e 114 persone in isolamento. Nei dati diffusi ieri, invece, si registrano 47 positivi (ben 17 guariti in un solo giorno), e 117 persone in isolamento. Purtroppo, negli ultimi giorni molti dati sono stati falsati da ritardi nel comunicare i risultati dei tamponi, con qualcuno andato addirittura perso. Fortunatamente nell’ultimo periodo, sembra che la comunicazione con gli utenti sia leggermente migliorata. LUIGI SAITTA Fonte “La Sicilia” del 03-12-2020