FONDI GAL: UNA BOCCATA D’OSSIGENO PER LE MICROIMPRESE

In corso di pubblicazione, sulla Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana, il bando “BonuSicilia CLLD”. Per le microimprese di otto degli undici Comuni del Gal Etna è ora possibile presentare la richiesta per ottenere un contributo economico, a fondo perduto, messo a disposizione dai fondi Fesr, destinati ai Gruppi di azione locale siciliani. Per il Gal Etna la dotazione finanziaria ammonta a 3.2 milioni di euro. Ogni impresa potrà beneficiare al massimo di 5 mila euro, ma nessuna azienda resterà esclusa. Se il numero di aziende dovesse superare il numero di richieste massimo previsto (pari a 640), il contributo verrà abbassato, per essere ripartito in proporzione al numero dei richiedenti. La procedura di selezione avverrà a sportello e le domande si dovranno inoltrare per via telematica dal 17 al 31 maggio 2022, attraverso la piattaforma digitale predisposta dal dipartimento regionale Attività produttive. I fondi saranno erogati entro giugno 2022. Il bando è rivolto alle aziende che abbiano meno di 10 dipendenti, un fatturato annuo non superiore a 2 milioni di euro, l’iscrizione alla Camera di commercio, un Durc in regola, oltre ad essere dotati di uno Spid, una firma digitale ed avere sede legale e/o operativa in uno degli 8 Comuni del Gal Etna. Si tratta di: Belpasso, Bronte, Catenanuova, Maletto, Maniace, Paternò, Ragalna e Santa Maria di Licodia; nonostante facciano parte del Gal, sono escluse dal contributo le realtà aziendali che ricadono nei territori che fanno parte del progetto “Aree interne”.

Dunque Adrano, Biancavilla e Centuripe, già destinatarie di altri finanziamenti. Si tratta di un sostegno economico, post emergenza, per le microimprese siciliane che operano nei settori manifatturiero, trasporto e magazzino, servizi di alloggio e ristorazione, servizi di informazione e comunicazione, noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese, attività artistiche, sportive di intrattenimento e divertimento, settore turistico e stabilimenti termali, in base ai codici Ateco Istat ammissibili e che in oltre due anni di pandemia da Covid-19, hanno pesantemente sofferto. Le belle notizie non sono finite. A breve si attende la pubblicazione del bando sottomisura 19.3 del Piano di sviluppo rurale che metterà a disposizione 3 milioni di euro per la realizzazione di progetti in cooperazione fra i Gal siciliani. Ripartendo le somme, per i diversi Gal, ci saranno a disposizione 140 mila euro circa.

«La somma del bando legato alla sottomisura 19.3 è abbastanza contenuta – evidenzia il presidente del Gal Etna, Vincenzo Maccarrone – ma servirà da stimolo per far lavorare, in rete, più Gruppi d’azione locale, per creare un coinvolgimento integrato nei settori: agroalimentare, turistico, tutela dell’ambiente, economia circolare, politiche sociali, promozione e marketing territoriale. Per quanto riguarda, invece, i fondi del bando BonuSicilia, da metà mese le aziende potranno presentare le domande. Lo ribadisco, nessuna azienda resterà esclusa dal contributo che, seppur minimo, è una importante boccata d’ossigeno in un momento in cui è richiesto di sostenere la ripresa». Fonte “La Sicilia” del 04-05-2022