BRONTE: SEGHERIA PIRRONE, DA RUDERE A “GIOIELLO”

Il versante nord ovest dell’Etna incassa il primo sì dal Ministero sui progetti finanziati con i fondi del Pnrr. È stato approvato, infatti, l’investimento di 3 milioni e 35 mila euro per un unico progetto che ingloba le iniziative presentate dai Comuni di Bronte, Maletto e Maniace. «Dopo settimane di lavoro incessante – ha affermato il sindaco di Bronte, Pino Firrarello – abbiamo ottenuto i primi frutti del Piano nazionale di ripresa e resilienza. La Direzione per la Finanza Locale del Ministero degli Interni ha infatti approvato il Piano urbano integrato proposto dalla Città Metropolitana di Catania, a cui Bronte ha partecipato con un progetto di rigenerazione urbana per il quartiere Sciarotta. Il progetto prevede interventi alla Segheria Pirrone, in via Torretta e via Palermo, permettendo alla Segheria di diventare un centro polifunzionale a disposizione dei professionisti e degli studenti della nostra città. Ringrazio l’Ufficio tecnico del Comune nelle persone dei responsabili ing. Salvatore Caudullo ed il geometra Nino Saitta, i capi area avv. Antonella Cordaro, dottoressa Teresa Sapia e la ragioniera Patrizia Orefice che per questo progetto hanno lavorato pure la domenica. Insieme a loro è giusto ringraziare anche l’assessore Nunzio Saitta per l’ottimo e duro lavoro svolto. Iniziamo a vedere i benefici che Bronte raccoglierà nel tempo. Questo è un intervento strategico, frutto di una seria programmazione a lungo termine in linea con la nostra idea di Bronte sostenibile, verde e digitale.

Andiamo avanti!». Il progetto, infatti, prevede nella Segheria Pirrone, oggi praticamente un rudere, la creazione di un centro polifunzionale attraverso la rifunzionalizzazione e l’efficientamento energetico dell’immobile per la realizzazione di servizi sociali, sportivi e culturali. Il nuovo centro avrà un nuovo look e sarà adeguatamente collegato con dei sistemi di trasporto. Tutto con un finanziamento di un milione e 931 mila euro. Il progetto finanziato prevede anche risorse per i Comuni di Maletto e Maniace. A Maletto con 694 mila euro si trasformerà la centralissima via Calì in un piccolo “eden” con verde, percorsi ciclo pedonali ed un punto noleggio per biciclette. A Maniace, invece, con 469 mila euro verrà riqualificata un’area degradata tra le contrade Fondaco, Margherito e Cavallaro. Fonte “La Sicilia” del 06-05-2022