BRONTE: RESTAURO DELLA CHIESA S. VITO SARA’ RIPAVIMENTATA ANCHE LA PIAZZA

«Ripavimentare la piazza antistante alla chiesa di San Vito, eliminando il monostrato vulcanico realizzato circa un decennio fa, ma già danneggiato, per sostituirlo con vero basolato lavico». Questa la decisione dell’amministrazione comunale di Bronte, guidata dal sindaco Graziano Calanna, su come utilizzare circa 37mila euro derivanti dalle economie rimaste dal finanziamento di quasi 800mila ottenuto dalla Regione siciliana attraverso i fondi del Patto per il sud per ristrutturare la chiesa. «I lavori iniziali nella chiesa di San Vito – spiega il vice sindaco Gaetano Messina – prevedevano l’eliminazione delle infiltrazioni, il rifacimento della pavimentazione e tutte le operazioni di restauro conservativo degli stucchi e dell’interno della chiesa, nel rispetto di quanto richiesto dalla Soprintendenza. L’impresa, rispetto al capitolato iniziale dei lavori che noi abbiamo ereditato, però è riuscita a fare anche importanti interventi di natura strutturale nel tetto. Lavori all’inizio non previsti e invece importanti per la stabilità dell’intera chiesa. Non solo – conclude Messina – sono state riportate alla luce le decorazioni dell’antica volta che oggi ha ripreso lo splendore di un tempo». E nonostante tutto ciò dal finanziamento iniziale sono rimasti 37mila euro. «Con cui – aggiunge il sindaco Graziano Calanna – abbiamo pensato di rifare la pavimentazione della piazza antistante alla chiesa con basolato lavico». «L’altra ipotesi era di rifare la facciata anche della parte restante del convento, ma ci siamo accorti che questo ha bisogno degli stessi lavori effettuati nella chiesa per eliminare le infiltrazioni d’acqua. Fare semplicemente la facciata senza questi lavori – spiega il sindaco – sarebbe stato inutile.

Invece il basolato ridarà lustro alla piazza dove nel 1860 Nino Bixio fece fucilare 5 brontesi per reprimere la rivolta, restituendo spessore a uno dei luoghi più importanti dal punto di vista storico e turistico. Come sempre – conclude il sindaco – permettetemi di ringraziare i Frati, la mia Giunta e i consiglieri della mia maggioranza con cui abbiamo condiviso le idee che vedranno presto ridare splendore a una delle chiede più importanti di Bronte». Intanto i lavori di ristrutturazione procedono alacremente. L’impresa ha già completato il restauro delle volte della navata chiesa e della cupola posta sopra l’altare maggiore, consacrato alla Vergine Immacolata, che adesso è tornato splendente con i marmi policromi. «E’ già un’emozione vederlo restaurato – conclude il sindaco Graziano Calanna – figuriamoci quando tutta la chiesa sarà completa e restituita ai brontesi».