BRONTE: “IMPIANTI LUCE AI PRIVATI” E CONTROLLI DI POLIZIA E VV.UU.

0

Il Comune trova il sistema per risparmiare sul costo della corrente elettrica, esternalizzare i servizi di manutenzione degli impianti creando nuovi posti di lavoro e porre le basi per produrre energia pulita impinguando le casse comunali. Il sindaco Firrarello, infatti, ha pubblicato un bando di gara per cedere, al costo sostenuto dal Comune nel 2007 dell’energia elettrica, la gestione degli impianti elettrici comunali ad una società privata. “Dopo aver constatato – dice Firrarello – l’ottimo servizio che sta effettuando la società che si è aggiudicata la gestione di circa 1500 punti esterni della pubblica illuminazione,  abbiamo studiato un progetto che ci permetterà di esternalizzare la gestione di tutti gli impianti elettrici comunali, risparmiare e guadagnare. Noi ogni anno paghiamo più di 500 mila euro di corrente elettrica, esclusa l’illuminazione delle strade, mentre altri 80 mila euro circa si spendono per la manutenzione. Pensate che solo il depuratore e l’impianto di sollevamento dell’acqua potabile consumano ogni anno circa 340 mila euro di corrente. Una cifra enorme per il nostro Comune che, con gli aumenti previsti il prossimo anno, rischia pure di aumentare. Per questo dopo esserci consultati con i tecnici e con l’Università di Catania, abbiamo pubblicato un bando di concessione di evidenza pubblica con una base d’asta, pari alle spese da noi sostenute dal Comune lo scorso anno, per affidare la gestione di tutti gli impianti ai privati, che avranno anche la possibilità di investire. Il Comune, infatti, metterà loro a disposizione le superfici comunali idonee a realizzare impianti fotovoltaici e faciliterà la burocrazia per realizzare altri impianti di produzione elettrica sostenibile come per esempio quella eolica, senza dimenticare la possibilità di realizzare una mini centrale elettrica sfruttando la ripida caduta delle acque del nostro depuratore sul Simeto. “Così l’azienda che si aggiudicherà il bando avrà fonte di guadagni ed il Comune pagherà il canone stabilito dall’esito della gara che sarà al ribasso, scrollandosi di dosso il pagamento delle bollette e la manutenzione degli impianti”. L’idea sembra vincente perché conviene non soltanto al privato che potrà produrre e vendere energia elettrica, ma anche al Comune messo al riparo dagli aumenti e pronto ad intascare il 20% degli utili aziendali della società che si aggiudicherà l’appalto. “Anche questo è previsto dal bando – conclude Firrarello – gli utili saranno ripartiti fra società e Comune”.  

Fonte “La Sicilia” del 02-11-2008

BRONTE OBIETTIVO PREVENZIONE: CONTROLLATO UN CENTINAIO DI AUTO, ELEVATE MULTE

La polizia di Stato di Adrano ed i Vigili Urbani di Bronte hanno condotto in sinergia una brillante operazione di controllo del territorio. L’operazione disposta dal questore di Catania, dott. Giovanni Capomacchia, ha visto vigili urbani e poliziotti allestire per due giorni numerosi posti di blocco all’interno del centro abitato, controllando numerosi veicoli. Solo la polizia municipale ha controllato più di 90 automezzi, elevando numerose contravvenzioni. “Da sottolineare – ha affermato il comandante dei vigili, maggiore Salvatore Tirendi – la sinergia raggiunta fra noi e la Polizia”. “Ringraziamo il Questore dott. Capomacchia – dicono il sindaco di Bronte Pino Firrarello e l’assessore Luigi Putrino – per aver organizzato questo servizio nella nostra città. Ringraziamo pure la Polizia municipale  ed i carabinieri che ogni giorno sono impegnati a contrastare la criminalità”.    Fonte “La Sicilia” del 02-11-2008