BRONTE: IL COMUNE IN PREFETTURA PER PAGARE DIRETTAMENTE GLI OPERATORI ECOLOGICI

prefettura 18 04 2013Davanti al Prefetto di Catania per rendere operativa la delibera dell’assemblea della Joniambiente che permette al Comune di Bronte di pagare direttamente i propri operatori ecologici. Delibera approvata il 20 marzo scorso dai 14 sindaci dell’Ato che però la Aimeri ambiente stenta ad accettare. Il palazzo prefettizio di via Minoriti a Catania, domani sera alle ore 18, diventa così nuovamente giudice dei destini degli operatori ecologici di Bronte che, a causa dei debiti dei Comuni con la Joniambiente, dalla Aimeri non ricevono lo stipendio. “Siamo stati costretti – afferma il sindaco di Bronte, Pino Firrarello – a finire davanti al Prefetto per cercare di evitare nuovi stati di agitazione degli operatori di Bronte ed i relativi disservizi nella raccolta dei rifiuti. All’incontro sono stati invitati, oltre alla Joniambiente, anche la Aimeri ambiente. Faticosamente, infatti, proprio a causa delle resistenze della Aimeri, riusciamo a rendere operativa la delibera dell’Ato che ci permette di pagare direttamente i nostri operatori ecologici quando non vengono pagati gli stipendi a causa della morosità degli altri Comuni. Il nostro Comune è sempre stato in regola – conclude Firrarello – ma ha subito i disservizi causati dai debiti degli altri. Non possiamo aspettare con trepidazione ogni metà del mese, temendo lo sciopero degli operatori ecologici”.

L’addetto stampa Gaetano Guidotto