BRONTE: 41 IN QUARANTENA FRA RABBIA E MALUMORE

Chiedono di poter uscire presto dall’isolamento e tornare a vivere con i familiari. Sono i 41 brontesi tornati dall’estero o dalle zone rosse che hanno avuto la diligenza di rispettare quanto imposto dai decreti, denunciando il loro arrivo alle autorità e mettendosi in quarantena nelle seconde case o nelle abitazioni di campagna. Sapevano infatti che la quarantena doveva durare 14 giorni e che alla fine l’Asp avrebbe dovuto sottoporli a tampone rino-faringeo. L’esito negativo avrebbe determinato la fine dell’isolamento. Bene i 14 gironi sono passati, ma non è chiaro quando effettueranno il test. Il loro isolamento quindi continua, fra rabbia e malumore. Il problema lo solleva il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, che scrive al direttore generale dell’Asp 3 di Catania, Maurizio Lanza: «E’ mio dovere – scrive – segnalarle che sono numerosi i cittadini rimasti in quarantena perché rientrati in Sicilia dopo il 14 marzo e che attendono che l’Asp provveda a sottoporli al test per verificare la eventuale positivi al coronavirus.

Costoro sono rimasti diligentemente isolati nelle seconde case o nelle residenze rurali per oltre 14 giorni, fiduciosi che – trascorso il periodo della quarantena – l’Asp avrebbe provveduto a sottoporli al test per escludere la loro possibile positività e permettere loro di ricongiungersi con i loro cari. Per tale ragione, mi corre l’obbligo di chiederle, di accelerare l’iter necessario affinché possano uscire dall’isola – mento». A noi l’Asp ha affermato soltanto che «si sta organizzando il servizio». Fonti non confermate però ci fanno capire che solo ieri sarebbero state consegnati circa 500 test all’Asp. La speranza è che bastino per il fabbisogno di tutta la provincia. Fonte “La Sicilia” del 03-04-2020