STATALE 284: SECONDO TRATTO BRONTE-ADRANO ENTRO FINE ANNO? «SPERIAMO… »

Il fatto che l’impegno sia stato assunto dai vertici dell’Anas a Roma di fronte al presidente della Regione siciliana Nello Musumeci ed all’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone, ci fa ipotizzare che questa volta sia quella buona. In passato la pubblicazione del bando di gara per il secondo lotto del tratto Bronte – Adrano della Ss 284 è stato annunciato come imminente senza che poi accadesse nulla. Si è parlato della pubblicazione del bando nel novembre e nell’aprile scorsi. Lo stesso sindaco di Bronte, Graziano Calanna, chiedendo lumi ai vertici dell’assessorato regionale alle Infrastrutture e Trasporti della Regione siciliana, aveva avuto rassicurazioni sul fatto che entro aprile 2018 il bando di gara sarebbe stato pubblicato. «Invece – spiega Calanna – a p r ile è passato senza che nulla accada e senza ottenere altre informazioni. Adesso il fatto che l’Anas si pronunci ci fa certamente piacere. Certo, avrei preferito una data certa, invece della solita frase entro la fine dell’anno, ma speriamo comunque». Poi Calanna ci spiega: «Per una zona interna come la nostra, ma dal grande potenziale economico, la viabilità è troppo importante. Accelerare e rendere più agevole il transito da e verso Bronte vuol dire favorire il turismo e dare una mano alle nostre aziende, penalizzate da una viabilità antiquata verso le grandi vie di comunicazione. Lo diciamo sempre, eppure la burocrazia continua ad essere lenta. In altre parti d’Italia costruiscono le terze o le quarte corsie, noi ancora dobbiamo ammodernare quelle costruite ai tempi dei Borboni». Ma vediamo che tipo di intervento effettuerà l’Anas. I lavori riguardano appena 4 chilometri, dal 26 al 30, per un costo di quasi 66 milioni di euro, dei quali 54 finanziati mediante l’Apq (Accordo di Programma Quadro rafforzato) con la Regione Siciliana. La nuova carreggiata, quasi interamente in variante rispetto al tracciato attuale, presenterà due corsie, una per senso di marcia, con larghezza complessiva della piattaforma stradale pari a 10,50 metri. Saranno realizzate due gallerie artificiali, lunghe 42 e 92 metri e due viadotti, lunghi 180 e 200 metri. Aggiudicati i lavori, l’impresa avrà a disposizione 710 giorni per completarli. Fonte “La Sicilia” del 15-09-2018