RANDAZZO, SAN CREMETE: RELIQUIE “ITINERANTI”

LA RELIQUIA DEL SANTO

Da Randazzo a Malvagna e Mojo Alcantara nel Messinese. Reliquie di San Cremete per alcuni giorni itineranti. Si cerca di “riscoprire” la vita e la devozione intorno al Santo vissuto in questo territorio, ma dimenticato fino ai nostri giorni. L’iniziativa è del parroco Daniele Torrisi, rettore del Santuario dedicato al Ss Crocifisso a Mojo Alcantara, che ha voluto così “accendere” l’attenzione sul Santo vissuto nella Valle dell’Alcantara, ma rimasto nell’indifferenza delle comunità e delle istituzioni. Iniziativa che ha trovato l’adesione dell’arciprete Domenico Massimino della Basilica di Santa Maria di Randazzo. Le reliquie, conservate in una teca, per lungo tempo sono rimaste nella chiesa del Collegio San Basilio nel centro storico randazzese. Circa 15 anni fa proprio dalle pagine di questo giornale lanciavamo un appello avendo fotografato la teca con San Cremete e un’altra teca con le reliquie di Santa Barbara in un angusto ripostiglio. Pur tuttavia poco si è fatto in questi anni. Da alcuni giorni, però, il busto reliquario è a Malvagna e Mojo Alcantara, grazie alla concessione della Basilica Matrice di Santa Maria in Randazzo. San Cremete visse da eremita nell’XI secolo nel monastero di San Salvatore della Placa, non distante da Francavilla, ma all’epoca territorio di Ruggero di Lauria signore di Castiglione di Sicilia: nei paesi di rito bizantino ortodosso è un Santo molto venerato. Il suo giorno è il 5 agosto. Di recente la vita del Santo eremita ha suscitato un certo interesse storico da parte di alcuni studiosi locali, ma a livello religioso è rimasto da sempre nell’ombra e molti ne sconoscono l’esistenza. San Cremete (italianizzato in Clemente) o San Crimo (morto il 6 agosto 1116) come sarebbe giusto dire, fu un eremita che girava la Valle dell’Alcantara, ecco perché padre Daniele Torrisi, parroco di Malvagna e Mojo, afferma che potrebbe essere proclamato come compatrono di tutti i comuni della vallata. Tra qualche giorno le reliquie torneranno a Randazzo. Michele La Rosa Fonte “La Sicilia” del 26-04-2017

MONASTERO SAN SALVATORE DELLA PLACA