Categorie: Altro

RANDAZZO: «IMMAGINATE COME SI POSSA INSEGNARE A SCRIVERE A UN BAMBINO A DISTANZA»

Il decreto del presidente Nello Musumeci che istituisce la zona rossa a Randazzo lo dice in maniera esplicita: fra le misure di contenimento del contagio all’art. 1 comma “h” prevede la «sospensione di tutti i servizi educativi per l’infanzia e delle attività delle scuole di ogni ordine e grado, con attivazione della didattica a distanza». E tutti gli istituti si sono adeguati. Il presidente della scuola media Edmondo De Amicis, Salvatore Malfitana, confida di essere risultato positivo al Covid, ma nonostante la febbre alta e la tosse dilaniante, chiuso in casa, al telefono coordina le operazione nel suo istituto: «Siamo già organizzati – dice con un filo di voce –. Ben 5 classi finite in quarantena da giorni effettuano già la didattica a distanza. Adesso con l’ordinanza tutto l’istituto si adeguerà. Eravamo preparati, ma nessuno immaginava si arrivasse a tanto. I docenti ieri hanno allestito programmi e adottato gli adempimenti necessari per registrare tutti e fornire le password. Ritengo che oggi, massimo domani tutti potranno iniziare le lezioni on line. Non pensate però che la didattica on line sia efficace per l’apprendimento come con le lezioni in classe. Speriamo che questa situazione non si prolunghi». E a pensarla così è anche la dirigente del Circolo didattico Don Milani, Rita Pagano che ieri, ironia della sorte, ha ricevuto i banchi monoposto: «Immaginate come si possa insegnare a scrivere a un bambino a distanza – afferma –. Nelle scuole dell’Infanzia e nella Primaria è più difficile, ma daremo tutti il massimo.

Per l’intero fine settimana insieme alle mie insegnanti abbiamo lavorato anche la notte per registrare tutti nella piattaforma e inviare le mail. Abbiamo l’esperienza dello scorso anno. Le famiglie sentiranno la nostra scuola vicina». Chi è partito ieri con le lezioni a distanza sono gli studenti dell’Istituto superiore Enrico Medi: «Noi – afferma la dirigente Maria Franca Miano –abbiamo iniziato. La difficoltà semmai per noi è stato il fatto che qualche docente non è ancora nominato, In questo caso ho ritenuto inutile far fare lezione on line a un supplente che non conosce i ragazzi. Speriamo si torni in classe presto, non auguro ai miei studenti un anno di lezioni a distanza». Gaetano Guidotto Fonte “La Sicilia” del 20-10-2020

Share
Pubblicato da
REDAZIONE

Recent Posts

BRONTE: INCIDENTE IN CONTRADA DIFESA, FERITI LIEVI – LE FOTO

Un lieve incidente si è verificato ieri sera intorno alle 19, sul rettilineo di contrada…

26 Gennaio 2021

MALETTO: NEL BILANCIO ANCHE I RIMBORSI ALLE FAMIGLIE E LA REFEZIONE

Anche per il 2021, il Comune approva il Bilancio di previsione nei termini previsti dalla…

26 Gennaio 2021

DOPO AVER SCONFITTO IL CORONAVIRUS COMPIE 108 ANNI: BRONTE IN FESTA PER ZIA LUCIA

Zia Lucia Castiglione festeggia il suo 108° compleanno, nella nativa Bronte, dopo aver sconfitto recentemente…

25 Gennaio 2021

BRONTE: “NON PIU’ TUTTO INDIFFERENZIATO”

La città quadruplica gli sforzi. Dopo le prime due giornate gli scorsi martedì in contrada…

25 Gennaio 2021

RANDAZZO: TROVATO FUCILE CON MATRICOLA ABRASA

Un fucile semiautomatico marca Franchi cal.12 con la matricola abrasa, quattro cartucce cal. 12 a…

24 Gennaio 2021

RANDAZZO: CONTROLLI INTENSIFICATI, ZERO MULTE, BRONTE: CASI IN LEGGERO CALO (124)

La stretta a Randazzo c’è stata, ma fortunatamente senza sanzioni. Dopo la richiesta del sindaco…

24 Gennaio 2021