Maniace

MANIACE: PRIVATIZZAZIONE DELL’ACQUA, PETIZIONE PER DIRE NO

Condividi

Una petizione popolare con raccolta firme, è stata avviata dal comitato cittadino di Maniace contro la privatizzazione dell’acqua, che dovrebbe passare, come previsto dalla legge, con l’Ati (Ambito Territoriale Idrico). In molti si sono attivati per impedire il passaggio, con lettere inviate ai commissari prefettizi e incontri diretti. Anche mons. Nunzio Galati ha scritto una missiva ai commissari, chiedendo di sospendere l’eventuale passaggio e di rimandare la decisione ai futuri amministratori, scelti dal popolo. Il comitato cittadini, nella sua breve missiva, oltre a ribadire il blocco, chiede anche che ciò avvenga secondo il Dlgs. 152/2006, all’articolo 147 comma 2 bis, che prevede che possano rimanere fuori dagli ambiti, i Comuni che sono riforniti da sorgenti particolarmente pregiate e soprattutto inserite in parchi naturali. Ma il problema acqua a Maniace è più complesso di quanto si creda. Infatti, è vero che molti dei lavori svolti sono dovuti alla caparbietà dei cittadini, che nel corso degli anni hanno fatto enormi sacrifici per costruire l’acquedotto e le vasche di rilancio site in via San Pietro e in contrada Cavallaro. Ma è anche vero, che da anni la rete idrica non viene rifatta e necessiterebbe di importanti e costosi lavori che un piccolo Comune non potrebbe facilmente fare.

«L’acqua è un bene primario –dice il dott. Enrico Galeani, uno dei tre commissari – e oltre a ciò, la legge ci impone di aderire agli Ati, che non sono delle società private, ma pubbliche. Se aderiamo, il prossimo sindaco di Maniace sarà nel Consiglio di gestione dell’Ati e potrà influire sulle scelte. Inoltre, a Maniace da due anni non si effettua la lettura dei contatori, con un danno erariale per l’Ente, oltre ai molti allacci abusivi ed una rete sicuramente da rifare. L’ingresso nell’Ati è l’unica soluzione attuabile per migliorare il servizio. È inconcepibile che un paese sui Nebrodi, in estate, soffra di penuria d’acqua». In effetti l’acqua a Maniace è fornita da ben tre sorgenti, Biviere, Schicci e Mastro Miceli, ma purtroppo, per le molte perdite di una rete colabrodo, in estate varie zone restano senza acqua. Inoltre, i costi del servizio, tra cui l’energia elettrica per le pompe, che per legge dovrebbero essere coperti dagli utenti, in gran parte sono stati finora a carico del Comune. LUIGI SAITTA Fonte “La Sicilia” del 16-04-2021

Pubblicato da
REDAZIONE

Ultime notizie

RANDAZZO, TORNA LA PAURA NELLA RSA NOVE ANZIANI SONO RISULTATI POSITIVI

Adesso la situazione sembra relativamente tranquilla e sotto controllo, ma per alcuni giorni nella Rsa…

21 Settembre 2021

AUTO: LA FERRARI CAVALCADE PASSA ANCHE DA BRONTE E MALETTO – LE FOTO

Si chiama Ferrari Cavalcade, un evento che ogni anno riunisce in un angolo del mondo,…

21 Settembre 2021

BRONTE, PRESTO IL TERZO POZZO MUSA PER DISTRIBUIRE L’ACQUA TUTTO L’ANNO

Presto acqua a sufficienza e di qualità superiore. Bronte si prepara a scavare il terzo…

21 Settembre 2021

BRONTE: 28ENNE ARRESTATO PER SPACCIO

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Randazzo in Bronte, coadiuvati dai colleghi del…

19 Settembre 2021

MANIACE; GLI SPAZI PER I BAMBINI DIMENTICATI E VANDALIZZATI

Che il Comune di Maniace abbia seri problemi di bilancio non è un mistero, ma…

19 Settembre 2021

FOTI: «LA DIGA DI BOLO A BRONTE DARA’ 40 MILIONI DI METRI CUBI D’ACQUA»

Non più 100 milioni di metri cubi d’acqua, ma 40. Questo il verdetto all'apparenza inappellabile…

19 Settembre 2021