BRONTE: UN HUB IN LOCALI COMUNALI, TRASLOCATI GLI UFFICI

L’hub vaccinale sarà realizzato nei locali del Comune di viale Catania all’ingresso sud. La decisione è giunta dopo il sopralluogo congiunto fra i tecnici del Comune, l’Asp 3 e la Protezione civile. E già iniziata la fase di trasloco degli uffici comunali e presto medici ed infermieri potranno garantire quell’impulso alla campagna di vaccinazione che il sindaco, Pino Firrarello, chiede da tempo. «Per noi una grande soddisfazione – afferma il primo cittadino –. Da sempre chiedo maggiore energia alla vaccinazione della popolazione. Solo vaccinandoci potremo riprenderci la nostra vita, lontana dal rischio di contrarre il virus. Ho sempre ribadito la necessità di mettere i sindaci in prima linea. Noi a Bronte abbiamo contribuito rendendo possibile la realizzazione di questo grande hub vaccinale qui in città, ovvero uno dei 5 hub previsti dall’Asp, ma siamo pronti a qualsiasi azione». Soddisfatto anche l’assessore alle Salute del Comune, Angelica Prestianni: «Ci abbiamo lavorato tanto, ma finalmente ci siamo riusciti. – ha affermato – Questo è un passaggio fondamentale nella lotta al virus. Ringrazio tutti coloro che hanno collaborato e ringrazio anticipatamente tutti coloro che opereranno per rendere efficiente e produttivo l’hub. Fra questi anche tanto volontariato con associazioni, medici, infermieri ancora in servizio, ma anche in pensione pronti a fornire il proprio contributo».

Intanto Bronte continua a lottare per tenere lontano il virus. Nei giorni scorsi i contagiati sono stati anche 168, ma adesso fortunatamente i numeri sembrano diminuire. L’Usca ieri ne ha confermati 146, mentre 397 sono coloro che si trovano in isolamento fiduciario. «Il numero dei positivi riportato sul bollettino ufficiale di oggi è in decremento – afferma il sindaco – L’autorità sanitaria è comunque vigile sul numero dei nuovi positivi nell’arco dell’ultima settimana. Motivo per cui è sempre possibile l’eventuale attivazione della “zona rossa”, che al momento è stata evitata. Facciamo tutti il possibile per evitarla, rispettando le norme anticovid ed evitando l’aumento del contagio». Intanto vi sarà una disinfestazione: «Inizierà il 28 giugno – conclude Firrarello – Toccherà ogni zona del paese». Fonte “La Sicilia” del 14-06-2021