BRONTE: STUFA IN FIAMME I CARABINIERI SALVANO TRE ANZIANI – IN SERATA INCENDIO IN VIA MESSINA -LE FOTO

Hanno preso soprattutto un grande spavento, i tre anziani che ieri mattina, hanno visto uscire delle fiamme, da una bombola che alimentava la loro stufa a gas. L’episodio è avvenuto intorno alle 11,45 in via Vittorio Emanuele Orlando a Bronte. Le fiamme si sono sprigionate al terzo piano da una bombola che alimentava una piccola stufa a gas, sicuramente per il tubo che perdeva. In quel momento in casa vi erano i due coniugi ultraottantenni che ci risiedono e una loro parente. Impauriti hanno immediatamente chiesto aiuto con tante chiamate giunte al 112 per l’incendio. Sul posto si sono recati i carabinieri, che prima dell’arrivo dei vigili del fuoco, sono saliti in terrazza, riuscendo a chiudere la bombola ed evitando la fuoriuscita delle fiamme. Sul posto è giunta anche l’ambulanza del 118 di Bronte, che ha prestato le cure, oltre a un normale controllo alle tre persone impaurite e leggermente intossicate dal fumo. Solo l’80enne proprietaria aveva dei valori fuori norma, rientrati in poco tempo grazie alle cure mediche avute sull’ambulanza in loco, che hanno evitato il ricovero in ospedale.

I vigili del fuoco hanno inviato sul posto le squadre di Adrano, e di Maletto, giunto in supporto per mancanza di un’autobotte adeguata, in quanto quella del locale Distaccamento è stata momentaneamente dislocata a Randazzo, per un guasto al loro automezzo. I vigili del fuoco hanno comunque messo in sicurezza l’area interessata dall’incendio, e controllato che non vi fossero ulteriori riprese dell’incendio. Alla fine, per fortuna, solo tanta paura e danni limitati, per un situazione che per alcuni istanti, in cui gli anziani sono rimasti bloccati in terrazza, era sembrata critica. R. P Fonte “La Sicilia” del 19-01-2021

In serata, sempre ieri, un altro incendio ha interessato una canna fumaria di una casa posta in via Messina. Sul posto è intervenuta una squadra di vigili del fuoco di Randazzo, aiutati da una autoscala giunta dal Comando Provinciale di Catania. Per fortuna i danni sono stati minimi.