BRONTE: “LO DICO A LA SICILIA” PROTESTE E RISPOSTE PER LA SAGRA;

ms 12 10 2013«La sagra del pistacchio ha paralizzato la circolazione»
Domenica 5, intorno alle ore 19, per rientrare in auto da Maletto a Catania sono stato costretto ad attraversare Bronte, dove era in corso l’ultima serata della 24ª Sagra del pistacchio che con molta (e ingiustificata) enfasi gli organizzatori hanno dichiarato essere stata un successo di squadra. Allora io chiedo ai componenti di questa squadra: «Che successo è tenere intrappolate, nelle loro macchine, migliaia di viaggiatori per più di un’ora, sotto una pioggia battente, per attraversare un paese in cui non esiste alcuna strada alternativa? ». Un’altra domanda la faccio al signor prefetto che dà le autorizzazioni per queste sagre, al sindaco, Pino Firrarello, che le organizza e alla Protezione Civile che dovrebbe vigilare sull’incolumità dei cittadini: «In caso di un crollo, di un incendio o semplicemente di un malore che richiede una ambulanza dove sono le corsie d’emergenza? ». So già che le mie domande non avranno alcuna risposta, ma spero che almeno serviranno a far meditare chi di dovere.
Vito Presti “La Sicilia” del 09-10-2013

«Bronte, traffico rallentato ma l’emergenza è durata poco»

Mi dispiace che il signor Vito Presti sia rimasto “intrappolato” nel traffico di domenica sera. Nonostante l’ottimo servizio di viabilità, allestito dal nostro Comando della polizia municipale, alle 20 (non alle 19 come scritto) qualche rallentamento alla circolazione si è verificato, perché, appena si è abbattuto il forte temporale, quasi tutti i visitatori, e parliamo di circa 100mila persone, hanno contemporaneamente deciso di lasciare la città. Si è trattato dunque di una emergenza durata poco tempo, i cui effetti non ci risultano essere stati così gravi come il signor Presti sostiene. Il servizio allestito, infatti, ha fatto sì che la circolazione fosse solo rallentata e non bloccata, con le code che non hanno certamente “intrappolato” a lungo gli automobilisti. Ad aiutarci sono sicuramente state la nuova Ss 284 e la nuova rotonda all’ingresso dell’abitato, che hanno velocizzato il flusso dei veicoli.
Oltre a ciò, avendo vietato la sosta dei veicoli lungo la circonvallazione, in caso di emergenza, un’ambulanza a sirene spiegate avrebbe avuto certamente lo spazio per passare. Siamo comunque rammaricati per il disagio che il signor Presti ha subìto e per questo lo invitiamo già da oggi alla prossima edizione della Sagra. Sarà ospite nostro.
Melo Salvia vicesindaco di Bronte  “La Sicilia” del 11-10.2013

2 commenti

  1. ll cittadino inc.......... · modifica

    sono daccordo con il sig.presti,purtroppo in un paese come il nostro dove sia la viabilità che la segnaletica,per non parlare dell’organizzazione purtroppo si vedono certe cose e per farla meglio il vicesindaco cerca di giustificarsi dicendo che si è trattato solo di un disagio temporaneo durato solo pochi minuti,non solo trovandosi in torto, cerca di corrompere il sopracitato,invitandolo alla prossima edizione della sagra,maaa!

  2. che bella discussione! uno dice che ci sono problemi e l’altro dice che non è vero! neanche alle scuole elementari assistevo a cose simili!!

I commenti sono chiusi