BRONTE: IL BILANCIO DEL 2018 CHIUSO CON 5 MILIONI DI AVANZO DI AMMINISTRAZIONE

Il Comune di Bronte calcola il saldo di bilancio al 31 dicembre 2018, meglio conosciuto, ad oggi, come avanzo di amministrazione presunto e sommando gli utili di 4 anni di amministrazione riesce a reperire ben 5 milioni di euro di liquidità di cassa da utilizzare per pagare i fornitori e programmare gli investimenti. “Frutto – afferma con soddisfazione il sindaco Graziano Calanna, alla fine di un vertice con il segretario comunale, dott. Giuseppe Bartorilla e la responsabile dell’Ufficio ragioneria, Gina Benvegna – di una gestione attenta ed oculata dei bilancio del Comune che va utilizzato nel rispetto dei principi del “buon padre di famiglia”. Il risultato – continua il primo cittadino – è ancor più soddisfacente se pensiamo che in quattro anni di amministrazione non abbiamo mai aumentato di un solo euro le tasse ai Cittadini, anzi nel 2019 abbiamo abbassato la Tari del 5%. Ma non solo – ribadisce – abbiamo mantenuto gli stessi servizi, migliorandone in qualche caso anche la qualità. Tutto ciò – conclude – a dimostrazione che anche in periodi di crisi come questo, quando i Comuni che non riescono a chiudere il bilancio sono la maggioranza, una gestione sana ed equilibrata dei conti senza sprechi porta benefici per i cittadini”.

E quando Calanna parla di benefici si riferisce certamente alla possibilità di investire queste risorse. Perché adesso gli Enti locali, entro alcuni limiti, possono utilizzare liberamente l’avanzo di amministrazione. Le nuove regole sul “pareggio di bilancio”, il meccanismo introdotto al posto del Patto di stabilità, grazie anche a sentenze della Corte costituzionale stabiliscono che “l’avanzo di amministrazione, una volta accertato nelle forme di legge è nella disponibilità dell’ente che lo realizza”. Pertanto questi 5 milioni di euro unitamente alle altre entrate concorrono al conseguimento del saldo. “E noi li investiremo a vantaggio dei Cittadini e della Città – continua Graziano Calanna – Penso alle strade interne al centro abitato che percorriamo tutti, penso anche a quanto può essere utile per migliorare la qualità della vita dei miei Concittadini”.

Ma il fatto che ci sia un avanzo di amministrazione in attivo ed una liquidità di cassa di 5 milioni di euro vuol dire certezza nel pagamento dei fornitori ed incremento della fiducia da parte di imprese ed aziende che con il Comune intendono investire. Inoltre, nel rispetto delle nuove regole di bilancio, il Comune l’anno prossimo non dovrà accantonare somme per pagare possibili debiti per servizi ai Cittadini, tutto a vantaggio dello svolgimento dei servizi. “Possiamo finalmente – conclude Calanna – dare speranza alle richieste dei Cittadini”.