BRONTE, BILANCIO APPROVATO: I COMMENTI DI SINDACO E CONSIGLIERI

cc-bronte-tvIl Consiglio comunale di Bronte, presieduto da Nino Galati, ha approvato, con degli emendamenti presentati dai capi area del Comune Salvatore Caudullo e Biagio Meli e dei consiglieri Salvatore Calamucci, Maria De Luca, Massimo Castiglione, Angelica Prestianni, Rosario Liuzzo, Carlo Castiglione, il bilancio di previsione 2016.

“L’improvvisa decurtazione – afferma il sindaco Graziano Calanna – del fondo precari da parte della Regione ci ha impedito di fare prima. Nonostante il ritardo, grazie alla bravura del nostro segretario, siamo riusciti a programmare tante gare d’appalto in tempo per garantire servizi e sviluppo. Abbiamo – spiega – pensato ai lavori di manutenzione dell’acquedotto e della rete fognaria, all’impianto antincendio nella Scuola media Castiglone e garantito fondi per gli altri Istituti scolastici ed gli impianti sportivi. Abbiamo programmato il rifacimento di diverse strade e con 28 mila euro sistemeremo il Centro comunale di raccolta per attivare la pesatura dei rifiuti differenziati. Tanti i contributi ai volontari su tantissismi aspetti giovanili e sociali. Ringrazio l’intera Assemblea consiliare per aver con responsabilità guardato all’interesse della collettività”.            

Ed il Consiglio, infatti, ha approvato il documento contabile, con l’astensione dei consiglieri Valeria Franco e Carlo Castiglione. Queste le dichiarazioni di voto dei capigruppo. Il consigliere Gaetano Messina, capogruppo del Pd, pur rimanendo critico sulla gestione, per responsabilità, visto l’importanza dell’atto, ha annunciato un voto favorevolmente. Il consigliere Valeria Franco del Movimento 5 Stelle, ha annunciato l’astensione dal voto per non ratificare un atto, a suo dire illegittimo, perché presentato da una Giunta dove manca la parità di genere. Il consigliere Carlo Castiglione, ha sottolineato che i consiglieri dei gruppi “Noi Bronte” e “Bronte viva” avrebbero votato secondo coscienza, trovandosi nel paradosso di decidere a fine dicembre il bilancio del 2016 e di dover essere responsabili per non provocare disservizi. Il consigliere Salvino Luca, annunciando voto favorevole, ha sottolineato come fra i consiglieri sia prevalso il buonsenso e l’affetto per Bronte, mentre il consigliere Giuseppe di Mulo, annunciando anch’egli il proprio voto favorevole, ha sottolineato come questo bilancio sia lo strumento per permette alla città di voltare pagina. Dopo l’approvazione, a questo Ufficio stampa, è giunta una nota da parte del presidente della Commissione Bilancio Antonio Leanza e del capogruppo consiliare Ernesto Di Francesco che si riporta integralmente:

Il consigliere Antonio Leanza – Presidente della commissione Bilancio – esprime forti critiche nei confronti della giunta per avere presentato il bilancio preventivo 2016 a fine dicembre che di fatto e’ un consuntivo. Non abbiamo partecipato ad una “votazione – farsa” dove sono state violate tutte le  fondamenta dell’ordinamento degli enti locali con l’intento di espropriare ill ruolo di controllo ed indirizzo del Consiglio Comunale”. Inoltre il gruppo “Bronte 2.”0,  a cui Leanza appartiene insieme al consigliere Di Francesco, giudica molto “confusionario e ambiguo” il ruolo assunto dai partiti di opposizione emerso dal voto sul bilancio preventivo”.

A questa nota hanno replicato il sindaco di Bronte, Graziano Calanna ed il consigliere Salvatore Calamucci:

“Abbiamo più volte ripetuto, – ha affermato Graziano Calanna – ed è ormai noto a tutti, che abbiamo deciso di presentare il bilancio di previsione 2016 solo dopo aver riottenuto dalla Regione siciliana gli 800 mila euro del fondo precari. Decisione che, adesso che i soldi sono stati restituiti, si è rivelata vincente. Dire che sono state violate le fondamenta dell’ordinamento degli Enti locali è offensivo nei confronti dei professionisti di questo Comune che garantiscono sulla leggittimità degli atti e delle procedure. Si tratta di accuse meramente strumentali.  Chi le afferma, se convinto, dovrebbe rivolgersi alle Autorità competenti”.

 “Non ci può essere ambiguità ne tanto meno confusone, quando si agisce nell’esclusivo interesse dei cittadini Brontesi. – ha aggiunto il consigliere Salvatore Calamucci – Ho votato favorevolmente il bilancio non certo per garantire le forze di maggioranza, ma per non impedire l’avvio di diversi servizi e lavori, come il necessario rifacimento delle strade. Ai cittadini brontesi chiedo: preferiscono un’opposizione a prescindere o un’opposizione responsabile che guarda al bene della collettività?”

Anche il capogruppo Gaetano Messina ed il consigliere Enza Meli hanno inviato una nota che si riporta integralmente:

 I consiglieri comunali del locale circolo Pd di Bronte, Enza Meli e Gaetano Messina con riferimento al loro voto favorevole al Bilancio previsionale 2016, tengono a precisare quanto segue: Le inadempienze della giunta che hanno di fatto svuotato le prerogative dei consiglieri comunali, non consentendo di svolgere i compiti di indirizzo e di controllo dell’azione amministrativa, l’assenza di un ruolo politico, ampiamente richiesto dall’esito elettorale, della sinistra brontese, non ha impedito responsabilmente a questo gruppo consiliare, di concetto con l’organo direttivo del circolo Pd “Livio Castiglione”di Bronte, di votare favorevolmente il bilancio previsionale del 2016. Con il voto favorevole i consiglieri comunali del PD, hanno voluto esprimere tutto il loro sostegno alla città e a i cittadini, in un momento di crisi strisciante in cui per molte famiglie assumono particolare importanza servizi primari, fra gli altri, come l’assistenza agli anziani e la refezione scolastica e non certo all’azione politica dell’amministrazione in questo ultimo anno e mezzo che sul bilancio presenta tanti nodi critici, come peraltro ha evidenziato anche l’organo di revisione contabile.

A quest’ultima nota il sindaco Graziano Calanna ha replicato:

“Non capisco quali siano le inadempienze e soprattutto quali nodi abbia evidenziato l’Organismo dei revisori contabili che, da organo tecnico,  ha fornito il proprio parere positivo. La dimostrazione che questa Amministrazione non ha svuotato di contenuti il ruolo dei consiglieri comunali è dimostrato dal fatto che ben 5 consiglieri di opposizione a questo bilancio hanno avuto tempo e modo per presentare delle mozioni accolte dalla maggioranza. Nessun ostracismo dunque, anzi ascolto e considerazione di tutte le proposte che guardano all’interesse della cittadina. Il rigetto, semmai, è verso tutte quelle posizioni strumentali che guardano a meri interessi di bottega”.