A BRONTE, MALETTO E MANIACE IL VIRUS ARRETRA, A RANDAZZO NO

Dopo la tempesta sembra tornare la quiete. Bronte mitiga gli effetti della possibile terza ondata derivata dai “furtivi” momenti conviviali natalizi e il numero dei contagiati, dopo aver raggiunto 2 giorni fa quota 123, ieri è sceso al più confortante 104 di cui un solo ospedalizzato. La situazione, però, rimane difficile: «Siamo consapevoli –afferma il sindaco Pino Firrarello – di attraversare un momento in cui bisognerà essere molto attenti. Dobbiamo essere rispettosi della zona rossa istituita dal Governo e rinforzata dal presidente della Regione. Mi appello al buonsenso dei miei concittadini, affinché questo trend possa stabilizzarsi e tornare in tempi celeri ai numeri del periodo prefestivo». Anche se il dato rimane basso rispetto al numero degli abitanti, salgono, invece, i positivi a Randazzo. Due giorni fa erano appena 10, ieri sera sono diventati 20. Segno che non bisogna abbassare la guardia. Intanto prosegue lo screening alla popolazione scolastica. Ieri tanti gli studenti che hanno effettuato il tampone presso i locali dell’ex pretura con il sistema del drive in. E oggi tocca a tutta la popolazione randazzese.

Il sindaco Francesco Sgroi, infatti (che ha sospeso per oggi il mercato settimanale), ha ottenuto che l’Asp effettuasse il tampone a chiunque e ha rivolto un appello per approfittare dell’opportunità: «Così – afferma – scopriremo se ci sono asintomatici che inconsapevolmente possono essere veicolo di contagio». Chiunque, quindi, dalle 8 fino alle 13 e dalle 14 alle 18, si recherà presso i locali dell’ex Pretura potrà effettuare il tampone. È sensibilmente migliorata la situazione di Maniace e Maletto negli ultimi giorni. A Maniace, in passato dichiarata zona rossa anche se i contagiati ufficiali non sono mai andati oltre i 50, sono attualmente 4 i positivi al Covid, con 22 persone poste in isolamento fiduciario. Nei giorni scorsi sono stati eseguiti 300 tamponi alla popolazione scolastica, risultati tutti negativi, e uno screening aperto a tutta la popolazione a cui hanno aderito solo 110 persone, anch’esse risultate negative.

Un buon risultato, ma con una scarsa partecipazione da parte della cittadinanza, nonostante la possibilità di effettuare il tampone in maniera veloce e gratuita. Numeri poco più alti a Maletto, dove i positivi sono invece 13 e una trentina le persone poste in isolamento fiduciario. In questa settimana sono stati eseguiti i tamponi alla popolazione scolastica. Solo ieri 220 i tamponi effettuati, fortunatamente tutti negativi, con i ragazzi che da lunedì rientrano alle scuole medie ed elementari. A Maletto, in verità, le scuole sono sempre state aperte, e non ci sono stati casi o problemi rilevanti. «Finora abbiamo avuto numeri nella norma – dichiara il sindaco Pippo De Luca – e tranne alcuni picchi tra novembre e dicembre, la situazione attuale non è grave. A scuola, tranne qualche giorno per la sanificazione, le lezioni sono sempre state fatte in presenza. Per continuare a contenere il virus, bisogna sempre rispettare le indicazioni». LUIGI SAITTA Fonte “La Sicilia” del 17-01-2021