Randazzo

RANDAZZO, TORNA LA PAURA NELLA RSA NOVE ANZIANI SONO RISULTATI POSITIVI

Condividi

Adesso la situazione sembra relativamente tranquilla e sotto controllo, ma per alcuni giorni nella Rsa dell’ex ospedale di Randazzo a dominare è stata la preoccupazione. Tutto è iniziato qualche giorno fa, quando un anziano ricoverato, accusando dei malori, è stato sottoposto a tampone rapido. L’esito non ha lasciato dubbi: il paziente era positivo al Covid. A questo punto il direttore sanitario del Distretto sanitario, dott. Antonio Salanitri, e il responsabile della Rsa, dott. Giosuele Sciacca, hanno messo in atto il protocollo previsto per scovare altri possibili positivi ed isolare i pazienti non contagiati. È iniziata così una imponente campagna di screening che ha confermato i sospetti. Circa 9 anziani ricoverati sono risultati positivi e con essi 3 operatori sanitari. Gli anziani erano ricoverati perché affetti da diverse patologie croniche. In pratica l’ex ospedale di Randazzo, dove si trova la Rsa, è stato diviso in 2, allontanando i pazienti infetti con quelli sani. L’operazione è riuscita, se è vero che i ripetuti screening non hanno indicato l’insorgere di altre positività. «Due anziani – ha affermato il sindaco Francesco Sgroi – che mostravano sintomi più accentuati sono stati trasportati all’ospedale di Biancavilla.

Nello spavento generale devo dire che l’Asp ha operato con lucidità e bravura. I casi sono stati isolati e i pazienti Covid sono in via di guarigione. Certo – continua – gli anziani erano vaccinati e questo ha evitato che la malattia si mostrasse in tutta la sua forza. Oggi so che tutti stanno relativamente bene e attendono l’esito del secondo tampone che speriamo sia negativo». Intanto il direttore sanitario dell’Asp, dott. Antonino Rapisarda, ha richiesto una ispezione nella struttura. Due dirigenti medici hanno perlustrato le camere e visionato i protocolli adottati, confermando che tutto era stato effettuato nella norma nel tentativo di arginare il contagio. Resta da capire però come il virus si è potuto incuneare fra i corridoi della Rsa: «Vi dico subito – continua il sindaco – che da tempo le visite dei parenti erano state inibite appunto per evitare il contagio». GAETANO GUIDOTTO Fonte “La Sicilia” del 21-09-2021

Pubblicato da
REDAZIONE

Ultime notizie

SS 284: NUOVO AUTOVELOX A SCALILLI, IERI PRIMO GRAVE INCIDENTE COINVOLTI 3 ADRANITI- LE FOTO

E' entrato in funzione dalla mezzanotte del 15 il nuovo autovelox installato sulla Ss 284,…

16 Ottobre 2021

«SIAMO AL 76,94% DEI VACCINATI, BRONTE ZONA VERDE»

La notizia era attesa da un momento all'altro. Bronte ha superato il 75% di residenti…

16 Ottobre 2021

RANDAZZO: «L’AUMENTO DELL’ENERGIA ELETTRICA SARA’ UN DISASTRO PERCHE’ I COMUNI DEL SUD PAGHERANNO PIU’ VOLTE»

«L’aumento del costo dell’energia elettrica sarà un colpo che per molti Comuni del Meridione rischia…

16 Ottobre 2021

BRONTE, FESTA PER LA MICROCHIPPATURA: SFILANO 60 ANIMALI

Ci sono stati momenti in cui più che una bella iniziativa sociale a favore dei…

16 Ottobre 2021

MANIACE, INVESTITA DA UN FURGONE: È MORTA L’84ENNE CHE SPESSO GIRAVA PER STRADA DA SOLA

Si tingono ancora di sangue le strade a Nord dell’Etna, con un’altra vittima per un…

13 Ottobre 2021

BRONTE, RIAPRE AL PUBBLICO IL «FONDO ANTICO» DELLA BIBLIOTECA DEL REAL COLLEGIO CAPIZZI

Riaperto al pubblico il «Fondo antico» della biblioteca del «Real Collegio Capizzi» di Bronte, da aprile…

13 Ottobre 2021