Categorie: Randazzo

RANDAZZO, POSITIVI A QUOTA 10: «MA NON DOBBIAMO ABBASSARE LA GUARDIA»

Condividi

Lo conferma il sindaco Francesco Sgroi: «La curva del contagio da noi si mantiene costante, anzi mostra una parabola tendenzialmente decrescente. Siamo passati da 20 a 10 casi di positività in corso. La scuola e le attività didattiche in presenza, partite la scorsa settimana, come previsto per legge, si stanno svolgendo regolarmente senza che ci sia stato segnalato alcun motivo che possa destare preoccupazione. In collaborazione con le autorità sanitarie preposte continueremo a monitorare costantemente l’evolversi della pandemia sul nostro territorio, nel tentativo di prevenire ogni possibile scenario che possa arrecare pericolo alla salute pubblica. Per questo serve che tutti continuiamo a rispettare le regole comportamentali anti Covid, in modo da contenere al massimo il contagio».

Intanto l’Amministrazione comunale è impegnata non solo nel rispetto delle norme per evitare il contagio, ma anche a garantire i ristori agli aventi diritto. «Esattamente – conferma Sgroi – nessuno sarà dimenticato. Il Comune ha già distribuito tantissimi buoni spesa grazie a delle somme ottenute dalla Regione siciliana e dal Governo attraverso la Protezione civile in proporzione al numero degli abitanti, ma altri fondi devono ancora essere distribuiti. Quelli regionali impongono una selezione degli aventi diritto più accurata, ma quelli nazionali ci permettono di soddisfare le esigenti chi si trova realmente in difficoltà nonostante percepisca un reddito minimo. Per questo chi ne ha diritto non esiti a presentare la domanda. Gli Uffici sono pronti ad esitarla e se possibile evaderla. Noi – continua – nel rispetto delle norme, stiamo facendo il possibile per venire incontro a tutti i cittadini che da troppo tempo soffrono gli effetti della pandemia».

Ed il Comune complessivamente ha ricevuto e distribuito in buoni spesa 64.272 euro dalla Regione ed una delle due trance di 93.420 euro ricevuta da Roma. Della seconda trance dei fondi ministeriali, pari sempre a 93.420 euro, però fino ad oggi solo 15 mila euro sono stati spesi. «E gli altri – conclude Sgroi – serviranno per venire incontro alle esigenze dei tanti randazzesi in difficoltà che ne hanno diritto». GAETANO GUIDOTTO Fonte “La Sicilia” del 27-01-2021

Pubblicato da
REDAZIONE

Ultime notizie

BRONTE: I 435 TEST RAPIDI RIVELANO ALTRI 5 POSITIVI

La città risponde all’appello del sindaco Pino Firrarello e dell’assessore alla Salute, Angelica Prestianni, e…

14 Aprile 2021

RANDAZZO: FINANZIATA LA PIATTAFORMA PER IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI

La Società per la regolamentazione del servizio di gestione rifiuti (Srr) “Catania provincia nord” che…

14 Aprile 2021

BRONTE: ACCADEMICO DELLA CRUSCA INTERVISTATO DA STUDENTI

Nell’anno in cui si festeggia il settecentenario della morte di Dante Alighieri, la scuola media…

14 Aprile 2021

RANDAZZO: «PRESSATI DA INTIMIDAZIONI E DANNI»

La voce degli imprenditori e dei proprietari del versante Nord dell’Etna, vittima di continui furti…

13 Aprile 2021

CATANIA: I 169 ANNI DELLA POLIZIA DI STATO

Anche quest’anno, dominato dalla lotta alla pandemia, le celebrazioni per la ricorrenza del 169° Anniversario…

13 Aprile 2021

RANDAZZO: BOOM DI “INFETTATI” ADESSO SONO 50 IL SINDACO SGROI «FATE ATTENZIONE» BRONTE 38 I CASI ACCERTATI

Aumentano i casi a Randazzo. Il sindaco Francesco Sgroi ha annunciato alla città che sono…

11 Aprile 2021