Categorie: Randazzo

RANDAZZO: «DOSSI PERICOLOSI SULLA STATALE 120 SERVE UNA SEGNALETICA CON PANNELLI»

Condividi

In passato ci hanno provato in tanti, facendo leva sulla sua estrema pericolosità, ma nessuno è riuscito nell’impresa. Neanche il grido di dolore dei genitori di una delle vittime di un gravissimo incidente stradale, dove persero la vita 3 persone, finora è servito a scuotere le coscienze. Parliamo del dosso della Strada statale 120 sulla Ferrovia dello Stato dismessa “Alcantara – Randazzo” che in tanti chiedono di mettere in sicurezza perché spesso causa di incidenti. Nonostante i continui appelli però quel tratto di strada è sempre rimasto uguale, al massimo è stata incrementata la segnaletica. Segnaletica che per il comitato “Strade sicure”, presieduto dal professore Giovanni Di Dio con la collaborazione di Guglielmo Trusso, attivista del M5S che da anni ormai si batte per la messa in sicurezza delle strade, è comunque insufficiente. Il Comitato, infatti, ha inviato una lettera al prefetto di Catania, all’Anas ed al sindaco di Randazzo, Francesco Sgroi, chiedendo «l’istallazione immediata di una adeguata segnaletica orizzontale e verticale, anche con dei pannelli luminosi lampeggianti». «Il comitato “Strade Sicure” – si legge nella nota – segnala che dal km 187+600 al Km 188+100 la strada presenta 2/3 dossi in ambo le direzioni di marcia che costituiscono delle vere e proprie trappole per gli automobilisti e per i mezzi pesanti.

L’importante arteria è parecchio trafficata, i punti interessati sono già stati oggetto di incidenti anche mortali. Con la presente chiediamo l’istallazione immediata di una adeguata segnaletica che attiri l’attenzione dei conducenti». «Il Comitato –spiega il prof. Di Dio – si è già battuto per altre strade del territorio e intende spronare le autorità per rendere questo dosso sicuro. Se le nostre richieste non dovessero essere prese in considerazione non ci fermeremo certo alla lettera». A Randazzo, però, chi in passato si è battuto per la messa in sicurezza di questo dosso sa che oltre alla segnaletica sarebbe necessario impedire agli automobilisti spericolati il sorpasso, causa della maggior parte degli incidenti che si sono verificati. Per questo in passato anche ufficialmente all’Anas è stato chiesto di separare le carreggiate. Nessuno però ha ottenuto risultati e quel dosso continua ad essere una vera minaccia. Gaetano Guidotto Fonte “La Sicilia” del 26-03-2021

Pubblicato da
REDAZIONE

Ultime notizie

ADRANO: 43ENNE ARRESTATO PER MALTRATTAMENTI AL PADRE

I Carabinieri della Stazione di Adrano hanno arrestato nella flagranza un pregiudicato 43enne del posto,…

12 Giugno 2021

BRONTE: SCAVARE UN POZZO IN CONTRADA MUSA IMPEGNO DI SPESA DI 440MILA EURO

«Pronti a scavare il terzo pozzo in contrada Musa, sull’Etna, per risolvere definitivamente i problemi…

12 Giugno 2021

ADRANO: DENUNCIATO E MULTATO PER NON OSSERVARE LE DISPOZIONI COVID PER L’ISOLAMENTO FIDUCIARIO

Nell’ambito dell’intensificazione dei servizi di controllo del territorio finalizzati a contrastare l’emergenza da coronavirus nel…

12 Giugno 2021

BRONTE: PUNTO NASCITE ANCORA CHIUSO. IL NURSIND: «SARANNO LOCALI PIU’ SICURI»

Continua la polemica sulla momentanea chiusura del Punto Nascite dell’ospedale di Bronte, chiuso per lavori…

11 Giugno 2021

ADRANO: INCENDIARIO BECCATO DALLA VIDEOSORVEGLIANZA

Personale del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Adrano, diretto dal Vice Questore Dott. Paolo Leone,…

11 Giugno 2021

BIANCAVILLA: SS 284, IL CORDOLO NON SARA’ RIMOSSO

Il cordolo spartitraffico che divide le corsie della strada statale 284 nel tratto incastrato tra…

11 Giugno 2021