Cronaca

MINEO, PERCEPIVANO BUONI SPESA DEL COVID SENZA AVERNE DIRITTO: 34 DENUNCIATI

Condividi

Trentaquattro soggetti avrebbero percepito sussidi pubblici di vario genere, ma avrebbero attestato falsamente, in autocertificazioni e altri atti, al Comune di Mineo, il regolare possesso dei requisiti per l’accredito dei buoni spesa. Lo hanno accertato i carabinieri che hanno deferito in stato di libertà 18 uomini e 16 donne (di età compresa tra i 28 e i 61 anni) alla Procura di Caltagirone. Secondo i militari sarebbero state eluse le disposizioni che disciplinano la corretta fruizione degli emolumenti governativi e regionali, con finalità socio-assistenziali. Davanti all’autorità giudiziaria, in virtù degli atti investigativi e delle prove documentali, gli indagati dovranno difendersi da una duplice accusa di reato: truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e falsità ideologica (da parte di privati) in atto pubblico. Gli inquirenti hanno passato “a setaccio” i contenuti di dichiarazioni e documenti, esaminando le istanze scritte degli interessati in riferimento al regime degli aiuti di solidarietà per l’emergenza sanitaria. I riflettori degli investigatori, altresì, sono stati puntati sui contenuti delle dichiarazioni dei redditi e sulle schede anagrafiche dei componenti dei nuclei familiari. Le indagini si sono concentrate su un arco temporale di 4 mesi (da luglio a ottobre 2020) e sulle asserite condizioni di difficoltà per la carenza dei mezzi ordinari di sussistenza.

I beneficiari avrebbero, invece, “aggirato” di fatto le norme dello strumento assistenziale, omettendo di dichiarare la percezione di redditi personali, provvidenze pubbliche e altri parametri economici. Alcuni accusati non avrebbero dichiarato la fruizione del Reddito di cittadinanza (Rdc) o del Reddito di emergenza (Rem), mentre altri avrebbero tentato di nascondere i benefici delle prestazioni di assicurazione sociale per l’impiego (Naspi). Una donna 45enne avrebbe ricevuto 210 euro, omettendo di dichiarare i 700 euro ricevuti con il Rem; un 27enne avrebbe percepito la somma di 560 euro, evitando di dichiarare la percezione di Rdc. La somma complessiva indebitamente percepita sarebbe superiore a 11mila euro, rappresentando circa il 34% del budget che la Regione ha assegnato al Comune (32.004 euro). Lucio Gambera Fonte “La Sicilia” del 11-07-2021

Pubblicato da
REDAZIONE

Ultime notizie

RANDAZZO, TORNA LA PAURA NELLA RSA NOVE ANZIANI SONO RISULTATI POSITIVI

Adesso la situazione sembra relativamente tranquilla e sotto controllo, ma per alcuni giorni nella Rsa…

21 Settembre 2021

AUTO: LA FERRARI CAVALCADE PASSA ANCHE DA BRONTE E MALETTO – LE FOTO

Si chiama Ferrari Cavalcade, un evento che ogni anno riunisce in un angolo del mondo,…

21 Settembre 2021

BRONTE, PRESTO IL TERZO POZZO MUSA PER DISTRIBUIRE L’ACQUA TUTTO L’ANNO

Presto acqua a sufficienza e di qualità superiore. Bronte si prepara a scavare il terzo…

21 Settembre 2021

BRONTE: 28ENNE ARRESTATO PER SPACCIO

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Randazzo in Bronte, coadiuvati dai colleghi del…

19 Settembre 2021

MANIACE; GLI SPAZI PER I BAMBINI DIMENTICATI E VANDALIZZATI

Che il Comune di Maniace abbia seri problemi di bilancio non è un mistero, ma…

19 Settembre 2021

FOTI: «LA DIGA DI BOLO A BRONTE DARA’ 40 MILIONI DI METRI CUBI D’ACQUA»

Non più 100 milioni di metri cubi d’acqua, ma 40. Questo il verdetto all'apparenza inappellabile…

19 Settembre 2021