RANDAZZO: IL SINDACO A CACCIA… DI NUMERI

0

Il sindaco Ernesto del Campo non ha più una maggioranza in Consiglio comunale ed ha quindi deciso di aprire la consultazione con gli altri gruppi dell’assemblea cittadina. La decisione è arrivata dopo che i consiglieri Umberto Proietto, Franco Minissale e Rosario Zagami, hanno assunto un atteggiamento critico nei confronti della maggioranza oggi sorretta solo da 8 consiglieri su 20. “Dopo la revoca del vicesindaco Pippo Gullotto e dell’assessore Giuseppe Luca – spiega Minissale – eravamo in attesa di un chiarimento che non è mai arrivato, così oggi siamo critici nei confronti di questa Amministrazione”. Del Campo ribadisce i motivi della revoca di Gullotto che “non svolgeva più il ruolo di assessore e non veniva in Comune”, mentre la revoca di Luca era stata consequenziale al comportamento del suo gruppo in Consiglio. Ribadisce inoltre che un altro motivo della crisi è il mancato avvicendamento fra l’assessore Alfio Ragaglia e lo stesso Umberto Proietto: “Chiesi a luglio a Proietto di entrare in Giunta – afferma il primo cittadino – lui disse di no”. “Vero – replica Proietto – ma allora non c’erano più le condizioni politiche. Sarei entrato se ci fosse stato un azzeramento della Giunta e un impegno su alcuni punti programmativi. Io – continua Proietto – non sono più in maggioranza perché L’Amministrazione non ha ottemperato al programma”. In mezzo ci sta una lettera firmata dai 3 consiglieri del gruppo Del Campo sindaco, Alfredo Lo Presti, Franco La Mancusa e Vincenzo Ceraulo che l’opposizione interpreta come ulteriore “bacchettata” nei confronti della Giunta, mentre gli stessi hanno precisato, con un secondo documento, che si è trattato di un invito al sindaco a ricreare una maggioranza ed al Consiglio comunale di operare con massimo senso possibile di responsabilità. “La maggioranza sta facendo bene – conclude il primo cittadino – non hanno funzionato solo i rapporti che hanno provocato le revoche degli assessori e la mancata entrata in Giunta di Proietto. Aprirò le consultazioni con tutte le forze presenti in Consiglio per ricostruire una maggioranza o trovare sostegno esterno su alcuni argomenti importanti per il bene della nostra Randazzo”.

Gaetano Guidotto fonte “La Sicilia” del 03-11-2011