RANDAZZO: IL PIANO DEL SINDACO PER SCONGIURARE IL CRAC FINANZIARIO

C’è un piano per scongiurare il dissesto finanziario del Comune di Randazzo. Lo comunica il sindaco, Ernesto Del Campo, alla fine degli incontri che ieri mattina ha tenuto con i dirigenti del Comune e con le organizzazione sindacali aziendali. “Ho raccolto – ci dice – l’importante disponibilità da parte dei dirigenti e delle Rsa che si sono resi conto della gravità della situazione. Questo ci ha permesso di mettere a punto alcune iniziative per contenere la spesa, aumentare gli introiti e diminuire le uscite. Innanzitutto – continua il sindaco – faremo una ricognizione a tappeto di tutte le somme impegnate e non spese fino ad oggi che congeleremo fino all’anno nuovo. Oltre a ciò – ribadisce – rinvieremo all’anno prossimo tutte le spese possibili, cercheremo di recuperare più somme possibili dagli investimenti e faremo un’attenta ricognizione sull’evasione e l’elusione dei ruoli comunali. Per questo abbiamo deciso di aumentare il personale in servizio all’ufficio tributi. Mi auguro però – conclude – che la Regione continui a garantire il 90% delle risorse a favore dei precari e che rinunci ad avere subito i 450 mila euro dati in prestito lo scorso ano per appianare i debiti con gli Ato”. Intanto, sempre ieri, il sindaco doveva incontrare le organizzazioni sindacali, ma l’incontro è saltato, con la Cgil che ribatte sul rischio di licenziamenti degli impiegati comunali. “L’invito ci è arrivato solo ieri – afferma Alfio Mannino della Cgil – e nessuno di noi è riuscito a rinviare gli impegni. Ribadisco però che, anche in caso di dissesto, gli impiegati in servizio al Comune non rischiano il licenziamento”. “Le Rsa – replica Del Campo – affermano il contrario”.

Gaetano Guidotto fonte “La Sicilia” del 10-11-2010