BRONTE: SCUOLE CHIUSE L’8 E IL 9; I LAVORI DELLE COMMISSIONI

Due giorni di vacanze per gli studenti di Bronte durante il periodo carnascialesco. Il sindaco, Pino Firrarello, sentiti i dirigenti scolastici, ha ordinato la chiusura di tutte le scuole brontesi di ogni ordine e grado nei giorni 8 e 9 marzo. Il provvedimento, resosi necessario soprattutto per questioni di sicurezza e protezione civile, consentirà ai ragazzi di divertirsi a pieno il martedì di carnevale, sapendo di poter tranquillamente fare le ore piccole, come da tradizione, senza l’assillo di dover andare a scuola il mercoledì delle Sacre Ceneri.

AL LAVORO LA COMMISSIONE SOLIDARIETA’ SOCIALE E LA CONSULTA GIOVANILE

Turni di lavoro a ciclo continuo per la Consulta giovanile di Bronte, composta dal sindaco Pino Firrarello e seguita dalla IV commissione consiliare del Comune. Dopo i vari incontri, effettuati fra gli altri con i parroci, le forze dell’ordine, i servizi sanitari e sociali e le scuole, la IV commissione “Solidarietà sociale”, – presieduta dal consigliere Maria De Luca e composta dal Vincenzo Sanfilippo, Giuseppe Di Mulo, Alfio Paparo e Salvatore Proietto – è passata alla fase operativa. Gli incontri, infatti, hanno permesso di individuare i problemi che attanagliano il mondo giovanile, spesso caratterizzato comportamenti violenti, scarso avvicinamento alla cultura ed altrettanta scarsa partecipazione delle famiglie alle attività dei figli e della scuola. Ne è venuto fuori un quadro che impone interventi anche perché devianze come droga ed alcol sono sempre in agguato. Per questo il presidente Maria de Luca ha riassunto le proposte suggerite durante gli incontro riunendo l’intera consulta. Fra le proposte il mantenimento e potenziamento dei servizi socio-assistenziali e sanitari e la presenza del Sert nella Scuola Elementare, ma anche tante iniziative culturali, attività sportive, ricreative ed ambientali e tanta, tanta formazione: “E’ necessario ottimizzare le risorse che oggi sono sempre di meno. – ha affermato il presidente De Luca – Se vogliamo dare delle risposte ai giovani è necessario che tutti i progetti approvati dal Comune, come “Orchestrando attorno al vulcano” o “Ragazzi alla pari” vengano effettuati in sinergia”.

IL COMUNE COSTITUISCE LA “COMMISSIONE MENSA” PER VIGILARE SULLA QUALITA’ DEI PASTI DISTRIBUITI NELLE SCUOLE

Una commissione vigilerà sulla qualità dei pasti distribuiti agli scolari che, effettuando il tempo prolungato, usufruiscono del servizio mensa. “Noi, riconoscendo l’importanza didattica e sociale del tempo prolungato – affermano il sindaco Pino Firrarello e l’assessore ai servizi scolastici Enzo Bonina – abbiamo deciso di garantire anche quest’anno la refezione scolastica nelle scuola materne, elementari e medie. Volendo però assicurare ai nostri ragazzi un ottimo pasto, abbiamo deciso di costituire questa commissione che vigili affinché ogni giorno il servizio garantisca standard di sicurezza e di qualità nel rispetto della normativa vigente e rispetti scrupolosamente le clausole che abbiamo inserito nel contratto”. Ed a costituire la così detta “Commissione Mensa”, ci sono anche genitori. Oltre all’assessore Bonina, alla dottoressa Francesca Marullo (responsabile dell’Ufficio Pubblica Istruzione del Comune), alle insegnanti Antonina Castiglione,  Carmela Campana, Silvana Chiofalo, della commissione fanno parte i genitori Giovanna e Loredana Longhitano e Francesca Pinzone. La commissione potrà avvalersi dell’importante ausilio del servizio Igiene, Alimenti e Nutrizione dell’Asp, ed opererà in sinergia con l’Amministrazione comunale nell’esclusivo interesse degli utenti.

L’Addetto stampa Gaetano Guidotto