BRONTE: PARTONO I TOUR SULL’ETNA

La giornata di oggi potrebbe segnare la svolta giusta per incrementare il turismo escursionistico sul versante nord-ovest dell’Etna. Alle 8.50 dalla stazione Borgo della Fce, la vecchia littorina Al 56 del 1937 accompagnerà i turisti fino a Bronte, dove ad attenderli ci saranno dei pullman con destinazione la «Casermetta di Piano dei Grilli», ovvero il punto base per l’escursionismo del Parco dell’Etna. Da lì i turisti potranno scegliere tre percorsi a piedi differenti per difficoltà fra i boschi dell’Etna. Il primo, breve e facile, fino a monte Minardo (25 min.); il secondo, più lungo, fino a monte Ruvolo (45 min.), ed il terzo, più difficile per arrivare, a monte Lepre (75 min.) dove si può ammirare l’avifauna dell’Etna. Che il primo tour in questo versante dell’Etna susciti l’attenzione delle istituzioni lo dimostra il fatto che sarà presente il presidente della Provincia regionale di Catania, Giuseppe Castiglione, il quale dovrebbe partire da Catania, mentre alla stazione di Bronte ad attendere l’arrivo del treno ci saranno il sindaco di Maletto, Pippo De Luca ed il primo cittadino di Bronte, Pino Firrarello, cui si deve l’organizzazione di questo viaggio inaugurale:  «Per noi questa è l’occasione per far conoscere i nostri boschi – ci dice Firrarello – che non hanno nulla da invidiare a quelli dei parchi più importanti e per dimostrare che è possibile anche qui quel turismo eco sostenibile praticato in altre parti. Ma non solo. – continua Firrarello – Offrire i servizi che attirano i turisti ci permetterà di far conoscere loro i nostri prodotti tipici, la nostra terra e la bravura dei nostri ristoratori, dei nostri pasticceri e perché no dei nostri artigiani. E’ l’occasione per costruire quel percorso privilegiato verso Bronte ad un turismo che non siamo mai riusciti a raggiungere. Ricordo ancora – conclude – quando in un sabato di primavera in tutta la pista altomontana dell’Etna da Randazzo ad Adrano abbiamo incontrato appena 6 spaesati turisti a piedi». Questa mattina, pertanto, appena arrivati a Bronte i turisti potranno fare colazione in stazione a base di frutta e poi sull’Etna assaggiare pane caldo e formaggi tipici prima delle escursioni curate dalle guide del Cai. Alle 13:30 la comitiva si sposterà al Castello Nelson dove li attende un ricco buffet con prodotti che possono essere trovati e gustati solo a Bronte. «Che sia un viaggio sperimentale o inaugurale – conclude il senatore Firrarello – cambia poco. E’ un tour cui noi crediamo per incrementare l’economia legata al turismo anche in questo versante dell’Etna che, credetemi, è uno dei più belli e più ricchi di prodotti tipici che possiate trovare».

Fonte “La Sicilia” del 30-08-2008