BRONTE: MAZZINI E SPEDALIERI DALLA REGIONE 1 MILIONE PER GLI EDIFICI SCOLASTICI

L’Amministrazione comunale di Bronte, guidata dal sindaco Graziano Calanna, dopo aver chiesto ed ottenuto dalla Regione siciliana un finanziamento di oltre un milione di euro, ha approvato in Giunta due progetti, redatti dall’Ufficio tecnico del Comune, che riguardano la sicurezza negli edifici scolastici delle scuole elementari Mazzini e Spedalieri. «Prima – dice il sindaco Graziano Calanna – abbiamo reso i progetti esecutivi e poi, grazie all’interlocuzione con gli uffici della Regione, abbiamo ottenuto i fondi previsti del Piano triennale per l’edilizia scolastica della Regione siciliana. I soldi sono già arrivati. Per questi motivi in questi giorni l’Ufficio tecnico è impegnato nella redazione dei bandi di gara da inviare alla Centrale unica di committenza di Pedara per la pubblicazione. Se tutto procede senza intoppi – continua il primo cittadino – presto potremo iniziare i lavori. Questa città  – aggiunge Graziano Calanna – guarda con notevole attenzione alla sicurezza degli edifici dove i nostri figli vanno a scuola. Conosciamo le criticità di ogni plesso scolastico e siamo pronti, come in questo caso, ad utilizzare ogni risorsa necessaria messa a disposizione dalla Regione, per rendere la permanenza in classe più sicura possibile».  E l’ingegnere Salvatore Caudullo, responsabile dell’Ufficio tecnico del Comune ci  indica il dettaglio delle risorse finanziate e ci spiega quali lavori bisognerà realizzare: «Per l’Istituto “Mazzini” la somma finanziata è di 555 mila euro, con cui si adeguerà l’impianto antincendio, come indicato dal Comando dei Vigili del fuoco. Inoltre verrà rivista la stabilità delle capriate in legno e verranno realizzati diversi lavori di manutenzione, per migliorare l’agibilità e la sicurezza complessiva. Invece per la scuola Spedalieri  – continua – l’importo finanziato  è di 510 mila euro. Anche qui si guarderà alla sicurezza degli impianti, anche se la fetta maggiore di spesa sarà utilizzata per sostituire gli infissi oggi non a norma. Questi, infatti, non solo non consentono una coibentazione ottimale delle aule, ma non sono scorrevoli, come invece prevede la normativa sulla sicurezza degli ambienti scolastici. Anche qui – conclude Caudullo – non mancheranno i lavori di manutenzione soprattutto nei servizi igienici”. “Questi lavori – conclude il sindaco – si aggiungono al completamento dei lavori di adeguamento sismico nelle 12 aule della scuola media”. Fonte “La Sicilia” del 04-01-2018