BRONTE: IMPICCANO CANE, E’ CACCIA AGLI “ANIMALI”

«La crudeltà verso gli animali è tirocinio della crudeltà contro gli uomini». Lo scriveva il poeta latino Publio Ovidio Nasone. Ma immaginiamo che le sue opere non siano state lette da chi, nei giorni scorsi, ha brutalmente impiccato un cane a un albero in contrada Difesa a Bronte. A trovare il corpo del povero animale, ancora appeso all’albero, è stato un residente della contrada. Il suo cane, fiutando qualcosa, si è addentrato all’interno di un noccioleto fino a fermarsi davanti al cane, ucciso forse qualche giorno prima. È stata sporta denuncia ai carabinieri, che indagano. Sul posto anche il Corpo forestale del Distaccamento di Bronte, anche perché pare che in questi anni nella zona non sia stato l’unico meticcio a morire così. Ascoltando i residenti sembrerebbe che in passato altre carcasse di animali siano state trovate impiccati a degli alberi. Alcuni riconoscibili, altri in avanzato stato di decomposizione. Anche 3 anni fa il Corpo forestale trovò a Maletto, non lontano dalla contrada Difesa di Bronte, un meticcio di 2 anni di colore marrone brutalmente impiccato in un albero. Sembrerebbe quindi che ci sia qualcuno che punisca gli animali in questo modo crudele, dimenticando forse che è un reato punibile con il carcere. In Italia, rispetto ad altri paesi europei, le pene per il maltrattamento degli animali, secondo la legge 189 del 2004 che integra l’art. 727 del Codice penale, prevede da 3 a 18 mesi di reclusione o un’ammenda pecuniaria da 5 a 30mila euro. In altri Paesi le pene sono più severe e, nei casi più gravi, l’arresto non è commutabile con pena pecuniaria. «Non esiste nessuna giustificazione alla violenza sugli animali – dicono alcuni residenti della contrada Difesa -. Questo tipo di crudeltà non merita scuse». GAETANO GUIDOTTO Fonte “La Sicilia” del 25-04-2017

IL COMUNICATO DEL CODACONS SULLA VICENDA – Il Codacons definisce GRAVISSIMA l’uccisione di un povero cane trovato impiccato ad un albero in contrada Difesa a Bronte. Ad aggravare il fatto, l’ulteriore denuncia da parte dei residenti che hanno colto l’occasione per segnalare il ritrovamento – negli scorsi anni e sempre nella stessa contrada – di altre carcasse di animali.  «L’autore o gli autori devono essere puniti in modo esemplare – afferma il Codacons che nei prossimi giorni  si costituirà parte offesa tramite l’avvocato penalista Giuseppina Chiara Reale – Bisogna dire BASTA e bisogna dirlo in un Paese, l’Italia, che si professa “civile”. Chi sa qualcosa, non deve tacere. Tali episodi nascondono l’indole estremamente violenta di chi se ne rende autore. Oggi a pagare le spese di tutto ciò è stato un cane indifeso, domani si potrebbe piangere sui cadaveri di uomini, donne e bambini». Il Codacons fa appello, dunque, a chiunque possa segnalare ai Carabinieri o al Codacons informazioni utili al fine di individuare l’autore o gli autori di tali gravissimi reati.  Fonte “La Sicilia” del 28-04-2017