BRONTE E MANIACE: PROGETTO BANDA LARGA

I Comuni di San Cono e Maniace saranno raggiunti dalla rete a banda larga, grazie alla convenzione firmata tra il presidente della Provincia regionale di Catania, Giuseppe Castiglione e il direttore di una società pubblica. Entro 30 giorni saranno esecutivi i progetti presentati alla Provincia che prevedono anche la cablatura di una parte del territorio comunale di Bronte che copre l’area artigianale. «È fondamentale puntare sull’innovazione tecnologica dei nostri territori, avviare una forte accelerazione alla modernizzazione, poiché non possiamo permetterci di lasciare aree del Paese fuori dalla Rete – ha dichiarato il presidente della Provincia Giuseppe Castiglione -. La nostra attenzione è rivolta a centri periferici come Maniace e San Cono e a realtà a forte vocazione imprenditoriale come Bronte, perché dal più piccolo dei Comuni fino al Capoluogo, occorre irradiare le nuove reti di telecomunicazione, per connettere il Paese con il resto del mondo attraverso il web. La nostra è una scelta politica – ha aggiunto Castiglione – e, cioè, quella di assicurare pari diritti a tutti i cittadini. Ed è indubbio che ormai, la possibilità di utilizzo delle comunicazioni tecnologiche sia a tutti gli effetti un fattore di inclusione sociale. Un’ Amministrazione pubblica utile e pronta a fare fronte ai bisogni delle comunità deve offrire le condizioni migliori per lo sviluppo del proprio territorio. La Provincia regionale di Catania, attraverso la semplificazione delle procedure di posa delle fibre ottiche nelle strade di sua proprietà, potrà accelerare i tempi dei lavori degli operatori, riducendo fino all’80% i costi socio ambientali in termini di disagi per i cittadini e per le amministrazioni, e non da ultimo, del 67% gli incidenti sul lavoro. E’ possibile ottenere questi risultati – ha aggiunto il oresidente della Provincia – attraverso l’utilizzo delle cosiddette “minitrincee”, ovvero scavi di pochi centimetri di larghezza e di soli 30 centimetri di profondità. Uno strumento quindi – ha concluso il presidente Castiglione – reale e concreto, per contribuire al superamento del digital divide di prima generazione». I lavori di cablatura per la banda larga saranno completati entro l’estate in modo da essere ottimizzati e già fruibili da cittadini ed imprese artigianali già entro la fine dell’anno.

Fonte “La Sicilia” del 22-05-2010