BRONTE: CONTROLLI ANTI ALLACCI ABUSIVI NELLA RETE IDRICA

Buona parte dell’acqua della nuova condotta idrica, che da un serbatoio dell’Acoset, percorrendo viale Jennedy, raggiunge la zona artigianale, va perduta, ed il sindaco di Bronte, Pino Firrarello, fa scattare i controlli per individuare eventuali allacci abusivi. Questo l’esito del sopralluogo effettuato direttamente sul tracciato della nuova condotta dal sindaco, cui hanno partecipato gli assessori Enzo Bonina e Nunzio Castiglione, il presidente del Consiglio comunale, Salvatore Gullotta, insieme con i consiglieri Massimo Castiglione, Rosario Lanzafame, Daniele Scalisi, Nunzio Saitta e Alfio Paparo. Con loro il capo dell’Ufficio tecnico ing. Salvatore Caudullo, diversi tecnici comunali e la Polizia municipale. “Questa condotta realizzata in poco tempo ed in grande economia – ci dice il sindaco Firrarello – ha risolto il problema di numerosi utenti che, avendo trasformato la propria casetta di campagna in abitazione, avevano bisogno di un servizio più efficiente di quello ce riuscivamo a garantire prima. Ma non solo a loro – aggiunge – qui ci sono diverse proprietà dedite alla coltivazione del pistacchio che dalla presenza di una condotta idrica ne trarranno certamente beneficio. Era nostro obbligo di conseguenza intervenire – spiega Firrarello – E se siamo riusciti a venire incontro alle loro esigenze celermente ed in poco tempo dobbiamo dire grazie ad un gruppo di consiglieri comunali e soprattutto al consigliere Rosario Lanzafame, oltre che all’Acoset naturalmente che con noi ha sottoscritto l’accordo. Adesso però – va al punto Firrarello – da alcuni controlli effettuati ci siamo accorti che si consuma più acqua rispetto a quella che rilevano i contatori degli utenti con regolare contratto. E’ necessario – conclude – capire che fine fa l’acqua in eccedenza, cominciando ad effettuare dei controlli che ci permettano anche di scovare eventuali allacci abusivi”. Tesi confermata dall’assessore al ramo Enzo Bonina, Enzo Bonina: “Nei giorni scorsi – afferma quest’ultimo – abbiamo effettuato dei controlli che hanno verificato come quasi il 50 % dell’acqua immessa in condotta si perde. Noi invitiamo i cittadini che eventualmente sono allacciati abusivamente a regolarizzare subito la propria posizione. Sappiano questi che nei prossimi giorni inizierà una campagna di controlli effettuati dagli uffici e dalla Polizia municipale che verificherà a tappeto tutte le linee. Purtroppo – ribadisce – il servizio idrico ha un costo e nell’ottica di far pagare tutti di meno, tutti dobbiamo pagare. Di conseguenza – conclude – saremmo costretti ad essere inflessibili e di fronte ad un cittadino che ha effettuato in condotta un allaccio abusivo applicheremo le sanzioni previste dalla normativa”.

L’Addetto stampa Gaetano Guidotto