BRONTE: CIAPPARAZZO, LAVORI SOLO IN NOVEMBRE

Chi sperava che nel mese di ottobre anche il secondo tratto statale 284 fra Bronte ed Adrano, (per intenderci quello ammodernato ma non completato a luglio per non interrompere la condotta idrica dell’Acoset nei mesi più caldi) possa essere completato, rimarrà deluso.Solo da novembre in poi sarà possibile interrompere la condotta idrica e quindi completare i lavori. Di fronte al totale silenzio in proposito da parte dell’Anas, a dare notizie ufficiali è l’Acoset, che in una nota precisa di aver “dato la disponibilità alla effettuazione dei lavori di spostamento della condotta, nel periodo che va da novembre ad aprile, con il solo vincolo di preavvisare, almeno 20 giorni prima dell’inizio dei lavori, l’Ufficio tecnico. E ciò, naturalmente, al fine di predisporre tutte le operazioni tecniche necessarie per garantire il servizio idrico agli utenti, limitandone gli inevitabili disagi”. L’Acoset annuncia anche di aver chiesto all’Anas di predisporre una adeguata campagna di informazione nei confronti degli utenti dei territori interessati, con il necessario coinvolgimento delle istituzioni locali, perché i disagi per i Comuni a valle di Bronte saranno notevoli. “Anche se, i lavori richiederanno soltanto dalle 18 alle 24 ore il distacco delle pompe – si continua a leggere infatti nella nota – per il ripristinare il regolare servizio agli utenti trascorreranno dai 5 ai 6 giorni a causa del notevole volume di acqua che viaggia nella condotta, del notevole numero di utenze dei Comuni e della complessità della rete di adduzione e di distribuzione”. La condotta dell’Acoset che attraversa la nuova Ss 284, infatti, preleva ben 700 litri di acqua al secondo dalle gallerie di Ciapparazzo a Bronte per poi servire ben 16 Comuni dell’hinterland. Nel momento in cui la condotta verrà interrotta si verificherà un notevole disservizio idrico per i Comuni da Adrano fino a San Giovanni La Punta. L’acqua del pozzo di Ciapparazzo, infatti, costituisce la principale fonte di approvvigionamento dell’Acoset e non è assolutamente sostituibile con altra risorsa. Di conseguenza per vedere la nuova Ss 284 completa bisognerà attendere ancora qualche mese. Del resto se è vero che il tratto verso Adrano non inaugurato sarebbe quasi pronto, la galleria Madonna della Vena 1, quella in prossimità dell’abitato di Bronte deve infatti essere ancora scavata.

L. S. Fonte “La Sicilia” del 10-10-2012